DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 15 marzo 2022

Adeguamento del trattamento economico del personale non
contrattualizzato. (22A03101)
(GU n.120 del 24-5-2022)


IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante «Disciplina
dell'attivita' di Governo e ordinamento della Presidenza del
Consiglio dei ministri», e successive modificazioni;
Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive
modifiche ed integrazioni;
Visto l'art. 24, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448,
secondo il quale «gli stipendi, l'indennita' integrativa speciale e
gli assegni fissi e continuativi dei docenti e dei ricercatori
universitari, del personale dirigente della Polizia di Stato e gradi
di qualifiche corrispondenti, dei Corpi di polizia civili e militari,
dei colonnelli e generali delle Forze armate, del personale dirigente
della carriera prefettizia, nonche' del personale della carriera
diplomatica, sono adeguati di diritto annualmente in ragione degli
incrementi medi, calcolati dall'ISTAT, conseguiti nell'anno
precedente dalle categorie di pubblici dipendenti contrattualizzati
sulle voci retributive, ivi compresa l'indennita' integrativa
speciale, utilizzate dal medesimo istituto per l'elaborazione degli
indici delle retribuzioni contrattuali.»;
Visto l'art. 23, comma 1, lettera g) del decreto del Presidente
della Repubblica del 20 febbraio 2001, n. 114, con riferimento ai
funzionari appartenenti alla carriera diplomatica;
Visto l'art. 26, comma 1, lettera g), del decreto del Presidente
della Repubblica del 23 maggio 2001, n. 316, con riferimento ai
funzionari appartenenti alla carriera prefettizia;
Visto l'art. 24, comma 1-bis, della citata legge 23 dicembre 1998,
n. 448, inserito dall'art. 10, comma 4, del decreto legislativo 29
maggio 2017, n. 94, secondo cui a decorrere dal 1° gennaio 2018 il
meccanismo di adeguamento retributivo di cui al comma 1 del medesimo
art. 24 si applica anche ai maggiori e tenenti colonnelli e gradi
corrispondenti delle Forze armate ed al personale con qualifica
corrispondente dei Corpi di polizia civili e militari;
Visto l'art. 24, comma 2, della medesima legge 23 dicembre 1998, n.
448, secondo il quale la percentuale dell'adeguamento annuale e'
determinata «con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri,
su proposta dei Ministri per la funzione pubblica e del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica.»;
Visti i commi da 1 a 5 dell'art. 46, del decreto legislativo 29
maggio 2017, n. 95, che hanno previsto per i dirigenti delle Forze di
polizia ad ordinamento civile l'istituzione di un'area negoziale per
la disciplina, con appositi accordi negoziali, degli istituti
normativi e del trattamento accessorio, da finanziare nei limiti
della quota parte delle risorse destinate alla rivalutazione del
trattamento accessorio del medesimo personale ai sensi del citato
art. 24, comma 1, della legge n. 448 del 1998;
Visto il comma 6 del medesimo art. 46 che ha previsto la
possibilita' di estendere la predetta disciplina anche ai dirigenti
delle Forze di polizia ad ordinamento militare e delle Forze armate
nei limiti della quota parte delle risorse destinate alla
rivalutazione del relativo trattamento accessorio ai sensi del citato
art. 24, comma 1, della legge n. 448 del 1998;
Visto l'art. 19, del decreto legislativo 5 ottobre 2018, n. 126,
che, modificando i citati commi 5 e 6 dell'art. 46 del decreto
legislativo 29 maggio 2017, n. 95, ha disposto, per gli anni 2018,
2019 e 2020, la disapplicazione dei predetti meccanismi di
finanziamento degli accordi negoziali di cui al comma 3 dello stesso
art. 46 e degli eventuali provvedimenti di estensione ai dirigenti
delle Forze armate e delle Forze di polizia ad ordinamento militare;
Visto l'art. 30, comma 7-quinquies, lettera b), n. 1), del
decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, convertito con legge 23 luglio
2021, n. 106, che ha prorogato la disapplicazione di finanziamento
degli accordi negoziali di cui al comma 3 dello stesso art. 46 e
degli eventuali provvedimenti di estensione ai dirigenti delle Forze
armate e delle Forze di polizia ad ordinamento militare «sino al
2023»;
Tenuto conto, conseguentemente, che la rivalutazione delle voci
stipendiali e del trattamento accessorio avente natura fissa e
continuativa, resta disciplinata per gli anni dal 2018 al 2023 ai
sensi dell'art. 24, della legge 23 dicembre 1998, n. 448;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13
novembre 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 323 del 31
dicembre 2020, concernente l'adeguamento dei trattamenti economici
del personale interessato ai sensi dell'art. 24, commi 1 e 1-bis,
della legge 23 dicembre 1998, n. 448, a decorrere dal 1° gennaio
2020, nella misura dell'1,71 per cento;
Vista la nota in data 31 marzo 2021, n. 1055761/21, con la quale
l'Istituto nazionale di statistica ha comunicato che la variazione
complessiva delle retribuzioni contrattuali pro capite dei pubblici
dipendenti, esclusi il personale di magistratura ed i dirigenti non
contrattualizzati, tra il 2019 e il 2020 e' risultata dello 0,91 per
cento;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 12
febbraio 2021, concernente la nomina dei Ministri senza portafoglio,
tra cui l'on. Renato Brunetta;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13
febbraio 2021 recante: «Conferimento di incarichi ai Ministri senza
portafoglio» con il quale e' stato conferito l'incarico per la
pubblica amministrazione all'on. Renato Brunetta;
Su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione e del
Ministro dell'economia e delle finanze;

Decreta:

Art. 1

1. A decorrere dal 1° gennaio 2021, le misure degli stipendi,
dell'indennita' integrativa speciale e degli assegni fissi e
continuativi dei docenti e dei ricercatori universitari, degli
ufficiali superiori e degli ufficiali generali e ammiragli delle
Forze armate e del personale con gradi e qualifiche corrispondenti
dei Corpi di polizia civili e militari, in vigore alla data del 1°
gennaio 2020, sono incrementate in misura pari allo 0,91 per cento.
2. Resta fermo quanto previsto dall'art. 23-ter del decreto-legge 6
dicembre 2011, n. 201 convertito, con modificazioni, dalla legge 22
dicembre 2011, n. 214, come modificato dall'art. 13 del decreto-legge
24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23
giugno 2014, n. 89.
Art. 2

1. Agli oneri derivanti dall'attuazione dell'art. 1, comma 1, si
provvede, a decorrere dal 2021:
a. per il personale dei Corpi di polizia dello Stato ad
ordinamento civile e militare e per il personale delle Forze armate,
nei limiti delle risorse all'uopo iscritte a decorrere dal medesimo
anno nel Fondo da ripartire per l'attuazione dei contratti;
b. per il personale universitario a carico dei bilanci delle
amministrazioni di appartenenza.
2. Il Ministro dell'economia e delle finanze e' autorizzato ad
apportare, con propri decreti, le necessarie variazioni di bilancio.
Il presente decreto sara' trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 15 marzo 2022

Il Presidente del Consiglio dei ministri
Draghi

Il Ministro per la pubblica amministrazione
Brunetta

Il Ministro dell'economia e delle finanze
Franco

Registrato alla Corte dei conti l'11 aprile 2022
Ufficio di controllo sugli atti della Presidenza del Consiglio, del
Ministero della giustizia e del Ministero degli affari esteri, n. 845

 

 

Speciale 20 anni SILP CGIL
Convenzioni SILP
SILP Telegram
V Congresso Nazionale Silp CGIL
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.