G7, Cgil: inaccettabile utilizzo massiccio dei militari a Brindisi G7, Cgil: inaccettabile utilizzo massiccio dei militari a Brindisi Decretazione urgenza dimostra incapacità programmazione Roma, 11 giu. (askanews) - "La strada della decretazione d'urgenza adottata dal governo Meloni anche in materia di sicurezza dimostra, da un lato, l'incapacità di programmare per tempo grandi eventi come il G7 di Brindisi e, dall'altro, il tentativo costante di militarizzare la sicurezza, strizzando l'occhio a quelle sirene conservatrici che vorrebbero portare il paese agli anni che hanno preceduto la grande riforma civile e democratica della legge 121/81". Lo affermano in una nota il segretario confederale della Cgil, Lara Ghiglione, e il leader del Silp, Pietro Colapietro. "Prevedere per decreto, alla vigilia di un vertice internazionale di grande importanza come quello che si terrà in Puglia nei prossimi giorni, l'incremento di 1.500 unità delle forze armate per il controllo del territorio, oltre alla paventata possibilità che i militari rivestano anche la qualifica di agenti di pubblica sicurezza - spiegano - è inaccettabile in un grande paese civile e democratico come l'Italia". Per Ghiglione e Colapietro "l'ipotesi di affidare ai militari compiti di sicurezza interna, normalmente in capo a poliziotti, carabinieri, finanzieri e penitenziari, pur prevista in via eccezionale e con limitazioni dal decreto legge 23 maggio 2008, n. 92, poi convertito in legge 24 luglio 2008, n. 125, rappresenta una strada inaccettabile e propagandistica, dove l'unico interesse è quello della sicurezza percepita. Lo svolgimento di compiti di controllo del territorio, di prevenzione e repressione dei reati - concludono - presenta peculiarità tali da richiedere specifiche competenze nella formazione e nell'addestramento che non sono tipiche, in relazione alla mission istituzionale, del personale militare, abituato a scenari di guerra e non urbani. Personale che sarebbe adatto piuttosto alla vigilanza di siti e obiettivi sensibili, impieghi che invece vedono spesso l'utilizzo di personale delle forze di polizia, sottratto così al controllo del territorio". Vis 20240611T152710Z [11/6, 15:30]

G7, CGIL, 'INACCETTABILE IPOTESI CONFERIRE QUALIFICA AGENTI PUBBLICA SICUREZZA A FORZE ARMATE' = Roma, 11 giu. (Adnkronos) - "La strada della decretazione d'urgenza adottata dal governo Meloni anche in materia di sicurezza dimostra, da un lato, l'incapacità di programmare per tempo grandi eventi come il G7 di Brindisi e, dall'altro, il tentativo costante di militarizzare la sicurezza, strizzando l'occhio a quelle sirene conservatrici che vorrebbero portare il paese agli anni che hanno preceduto la grande riforma civile e democratica della legge 121/81". Lo affermano, in una nota, la segretaria confederale della CGIL Lara Ghiglione e il segretario generale del Silp CGIL Pietro Colapietro. "Prevedere per decreto, alla vigilia di un vertice internazionale di grande importanza come quello che si terrà in Puglia nei prossimi giorni, l'incremento di 1.500 unità delle forze armate per il controllo del territorio, oltre alla paventata possibilità che i militari rivestano anche la qualifica di agenti di pubblica sicurezza - spiegano i sindacalisti - è inaccettabile in un grande paese civile e democratico come l'Italia". Per Ghiglione e Colapietro "l'ipotesi di affidare ai militari compiti di sicurezza interna, normalmente in capo a poliziotti, carabinieri, finanzieri e penitenziari, pur prevista in via eccezionale e con limitazioni dal decreto legge 23 maggio 2008, n. 92, poi convertito in legge 24 luglio 2008, n. 125, rappresenta una strada inaccettabile e propagandistica, dove l'unico interesse è quello della sicurezza percepita"."Lo svolgimento di compiti di controllo del territorio, di prevenzione e repressione dei reati - concludono - presenta peculiarità tali da richiedere specifiche competenze nella formazione e nell'addestramento che non sono tipiche, in relazione alla mission istituzionale, del personale militare, abituato a scenari di guerra e non urbani. Personale che sarebbe adatto piuttosto alla vigilanza di siti e obiettivi sensibili, impieghi che invece vedono spesso l'utilizzo di personale delle forze di polizia, sottratto così al controllo del territorio". (Rem/Adnkronos) ISSN 2465 - 1222 11-GIU-24 15:28 NNNN

VI Congresso Nazionale Silp CGIL
Speciale 20 anni SILP CGIL
Convenzioni SILP
SILP Telegram
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.