Immigrati: Silp-Cgil, buoni risultati mare nostrum ma serve piano nazionale =

Roma, 29 apr. (Adnkronos) - "Apprezzabili risultati di Mare
Nostrum, ma serve piano nazionale sull'accoglienza che superi lo stato
emergenziale". Lo afferma in una nota il Silp-Cgil che spiega: "Le
richieste tese a far cessare l'operazione Mare Nostrum perche' troppo
costosa, 300 mila euro al giorno, quasi totalmente a carico
dell'Italia tranne pochissime eccezioni, non tengono conto del fatto
che, ad oggi, la Marina militare italiana ha salvato la vita a 26.814
migranti".

Ciononostante, per il segretario generale del Silp-Cgil Daniele
Tissone, "occorre chiarire che i rifugiati e i richiedenti asilo non
possono essere confusi con la migrazione economica o irregolare
formata da coloro che, perlopiu', giungono in Italia o vi si
trattengono abusivamente dopo un regolare ingresso".

Per queste categorie di persone, prosegue, "il diritto
internazionale, e le varie convenzioni in materia ci richiedono un
approccio totalmente diverso. Ovviamente cio' non e' facile, quindi in
tal senso fa bene il ministro Alfano a chiedere un maggiore sostegno
ed integrazione comunitaria. Riteniamo pero' -aggiunge Tissone- che
per giungere nell'Unione Europea ad un approccio coordinato basato
sulla solidarieta' e sulla responsabilita' comuni, occorra superare in
Italia l'approccio emergenziale ad oggi improntato sul controllo
affidato, quasi esclusivamente, alle forze di Polizia costruendo,
sull'immigrazione, una risposta adeguata, organica e soprattutto
strutturale". (segue)

(Sin/Ct/Adnkronos)
29-APR-14 16:30

NNNN
IMMIGRATI: SILP-CGIL, BUONI RISULTATI MARE NOSTRUM MA SERVE PIANO NAZIONALE (2) =

(Adnkronos) - "In sostanza - conclude Tissone - occorre avere un
piano che parta da una cabina di regia individuata attraverso una
specifica normativa, in grado di gestire i diversi sistemi di
accoglienza che non sempre dialogano perfettamente tra di loro".

E' il caso, secondo il sindacalista, "di uffici quali il
Dipartimento delle Liberta' Civili e dell'Immigrazione che ha la
competenza sull'accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati e che
gestisce i centri quali i Cara attraverso le Prefetture mentre la
gestione del sistema Sprar e' stata affidata all'Anci quando, nelle
citta' metropolitane, la gestione viene affidata direttamente alle
amministrazioni comunali con, infine, il Dipartimento della Pubblica
Sicurezza che ha la competenza sull'identificazione delle persone
coinvolte e sui controlli di polizia".

Occorre quindi "un'analisi adeguata del contesto che produca un
piano strutturale dettagliato passando dall'emergenza alla
pianificazione e che porti a rivendicare all'Italia un ruolo
convincente in Europa sia in termini politici sia per quanto riguarda
i necessari piani di finanziamento", conclude Tissone.

(Sin/Ct/Adnkronos)
29-APR-14 16:33

NNNN

Speciale 20 anni SILP CGIL
Convenzioni SILP
SILP Telegram
V Congresso Nazionale Silp CGIL
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.