SICUREZZA: SILP-CGIL, INASPRIRE SANZIONI PER CHI TRUFFA ANZIANI =
TISSONE, PENSIAMO UNA PROPOSTA SPECIFICA DA PRESENTARE PRIMA
DELL'ESTATE

Roma, 21 giu. (Adnkronos) - Cresce negli ultimi anni il fenomeno
delle truffe agli anziani. Per il segretario generale del Silp-Cgil,
Daniele Tissone, "un tale pericoloso fenomeno che investe le nostre
famiglie deve essere affrontato oltre che sul versante informativo,
anche in relazione a una proposta tesa all'innalzamento delle pene in
danno dei soggetti più deboli".

''In altre parole -prosegue Tissone- per un effettivo contrasto
al reato di truffa, bisogna agganciare attraverso una modifica
normativa l'innalzamento della pena ai tratti caratteristici del
delitto di truffa, artifizi, raggiri, atto di disposizione
patrimoniale, assimilando tale proposta agli anziani, magari over 75,
ai soggetti deboli quali i minori o altre categorie di soggetti''.

''Pensare ad a una pena sino a 4 anni (sempre più della truffa
ordinaria) -incalza il leader del silp-Cgil- in modo tale da
permettere al non recidivo di accedere alla messa alla prova, può
essere una delle proposte che crediamo utili quanto necessarie a
fronteggiare il fenomeno. Per questo stiamo pensando ad una proposta
specifica da presentare prima dell'estate''.

(Sin/Zn/Adnkronos)
21-GIU-14 15:35

Speciale 20 anni SILP CGIL
Convenzioni SILP
SILP Telegram
V Congresso Nazionale Silp CGIL
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.