Per consultare il comunicato congiunto    

 

COM-GUI
22-SET-14 20:06 NNNN
P.a.: sindacati e Cocer, incontro con Renzi suggello positivo =
(AGI) - Roma, 22 set. - L'annuncio dell'incontro tra il premier
Renzi e i sindacati e i Cocer che rappresentano la larga
maggioranza dei comparti sicurezza, difesa e soccorso pubblico
"e' il suggello alla risoluzione positiva della vertenza
relativa allo sblocco del tetto salariale che si e' potuto
ottenere grazie alla determinazione ma anche al senso di
responsabilita' istituzionale che tutti i sindacati e i Cocer
hanno dimostrato di fronte all'apertura al confronto da parte
del governo". A sottolinearlo e' un "cartello" di sigle
comprendente Siulp, Siap-Anfp, Silp-Cgil, Ugl-polizia, Coisp,
Consap, Uil-polizia, Osapp, Uil penitenziari, Sinappe, Ugl
penitenziari, Fns Cisl, Cnpp, Ugl Forestale, Snf, Cisl Fns, Uil
pa, Uil e Confsal vigili del fuoco e Cocer di Esercito, Marina,
Aeronautica e Guardia di finanza. (AGI)
Bas (Segue)
222019 SET 14

P.a.: sindacati e Cocer, incontro con Renzi suggello positivo (2)=
(AGI) - Roma, 22 set. - "Ringraziamo il presidente Renzi -
continuano sindacati e Cocer - per aver compreso le motivazioni
e gli sforzi che anche i ministri e i capi delle Forze armate e
delle amministrazioni interessate hanno fatto per spiegare le
ragioni della nostra vertenza che, vogliamo sottolinearlo
ancora una volta, non era finalizzata a richieste di aumento
salariale ma solo al riconoscimento delle somme dovute per
legge e per contratto per premiare meritocrazia, efficienza e
totale disponibilita' all'impiego per maggiori risultati. Somme
che, per effetto del d.l. Brunetta, varato dal governo
Berlusconi e gia' dichiarato incostituzionale per i magistrati,
penalizzava una seconda volta le donne e gli uomini in uniforme
che, con totale spirito di abnegazione, si sacrificano
quotidianamente in ogni angolo del Paese e in ogni territorio
del mondo per la difesa della sicurezza, della democrazia e
delle istituzioni in pieno rispetto della specificita' della
loro funzione che e' unica in tutto il pubblico impiego".
"Abbiamo preso le distanze - continua la nota - in tempi non
sospetti e nell'interesse delle istituzioni e dei colleghi che
rappresentiamo, da coloro che, strumentalmente e in danno degli
operatori hanno, in modo becero e sotto una chiara regia
politica, o di qualche sigla sindacale, cercato in tutti i modi
di far saltare l'accordo e la risoluzione della problematica
non lesinando persino oltraggi e offese a chiunque sosteneva
che il risultato era stato raggiunto". (AGI)
Bas
222019 SET 14
ANSA/ Statali: sblocco salari ps-militari, da Renzi il 7/10
Ma sindacati divisi, Consulta sicurezza conferma agitazione
(ANSA) - ROMA, 22 SET - Il presidente del Consiglio Matteo
Renzi incontrera' a palazzo Chigi i sindacati di polizia e le
rappresentanze militari il 7 ottobre, "a completamento del
lavoro svolto": l'annuncio dei ministri Angelino Alfano e
Roberta Pinotti conferma che si va verso lo sblocco del tetto
degli stipendi dei rappresentanti del Comparto sicurezza e
difesa e amplia il solco tra le organizzazioni sindacali, divise
tra chi si fida del governo e quelli che vogliono prima vedere i
provvedimenti, sottolineando che il problema non e' solo e
soltanto quello della retribuzione.
La soluzione e' stata trovata la settimana scorsa in un
incontro a palazzo Chigi al quale, oltre ai due ministri
dell'Interno e della Difesa, hanno partecipato il ministro
dell'Economia Pier Carlo Padoan e Luca Lotti, il sottosegretario
alla presidenza del Consiglio e braccio destro di Renzi. In
quell'occasione sul tavolo sono stati messi 970 milioni: 440
recuperati dalle pieghe dei bilanci di tutte le amministrazioni
interessate e 530 messi a disposizione dal ministero
dell'Economia. Quanto basta, dunque, per eliminare i
tetti salariali che hanno fatto perdere ai poliziotti in 4 anni,
secondo stime dei sindacati, tra i 4mila ed i 6mila euro netti.
"Abbiamo detto che avremo risolto e ora siamo al traguardo -
aveva annunciato quattro giorni fa Alfano - e questo grazie
all'impegno e allo sforzo di tutti".
Niente sciopero generale dunque per militari e poliziotti,
peraltro vietato dalla legge, e protesta rientrata. Ma non del
tutto, visto che poco dopo l'annuncio dei due ministri la
Consulta sicurezza - l'organismo composto da Sap (Polizia),
Sappe (Polizia Penitenziaria), Sapaf (Corpo Forestale) e Conapo
(Vigili del Fuoco) - ha immediatamente confermato tutte le
iniziative annunciate per i prossimi giorni. "Confermiamo lo
stato di agitazione su tutto il territorio nazionale e
l'astensione dal lavoro per 3 ore - dice il segretario del Sap
Gianni Tonelli - La convocazione del premier Renzi, che arriva
non a caso alla vigilia della nostra protesta, e' un fatto
importante che va ascritto proprio alla mobilitazione che il Sap
e la Consulta Sicurezza conducono da mesi. Vedremo il 7 ottobre
che cosa ci proporra' il presidente del Consiglio ma fino ad
allora resteremo in stato di agitazione". Anche perche',
prosegue, "il problema non e' soltanto quello della retribuzione:
da tempo denunciamo un fortissimo malessere tra le donne e gli
uomini in divisa, che ha origini profonde e sarebbe miope
continuare a ignorarlo".
Di tutt'altro avviso le altre sigle sindacali (Siulp,
Siap-Anfp, Silp Cgil, Ugl, Coisp, Consap e Uil per la Polizia; Osapp, Uil,
Sinappe, Ugl, Fns Cisl e Cnpp per la Penitenziaria; Ugl, Snf,
Cisl Fns e Uil Pa per il Corpo Forestale; Fns Cisl, Uil Vvf,
Confsal, Dirstat, Ugl Vvf per i Vigili del fuoco e i Cocer di
Esercito, Marina, Aeronautica e Guardia di Finanza), che
plaudono all'annuncio del governo e attaccano la Consulta, pur
senza nominarla direttamente, sostenendo che "strumentalmente e
in danno degli operatori della sicurezza hanno, in modo becero e
sotto una chiara regia politica, o di qualche sigla sindacale,
cercato in tutti i modi di far saltare l'accordo". L'incontro,
dicono e' "il suggello alla risoluzione positiva della vertenza
ottenuta grazie alla determinazione ma anche al senso di
responsabilita' di tutti i sindacati e i Cocer di fronte
all'apertura del confronto da parte del governo. Diamo atto al
governo e al premier di aver mantenuto l'impegno assunto" e di
"aver compreso le motivazioni della nostra vertenza".(ANSA).

GUI
22-SET-14 20:22 NNNN

Statali: Sindacati-Cocer,incontro Renzi suggello a soluzione

(ANSA) - ROMA, 22 SET - L'incontro del 7 ottobre con il
premier Matteo Renzi sara' "il suggello alla risoluzione positiva
della vertenza relativa allo sblocco del tetto salariale che si
e' potuto ottenere grazie alla determinazione ma anche al senso
di responsabilita' che tutti i sindacati e i cocer hanno
dimostrato di fronte all'apertura del confronto da parte del
governo". Lo affermano in una nota le sigle sindacali che nelle
settimane scorse avevano annunciato lo sciopero generale contro
il blocco degli stipendi, Siulp, Siap-Anfp, Silp Cgil, Ugl, Coisp, Consap e
Uil per la Polizia; Osapp, Uil, Sinappe, Ugl, Fns Cisl e Cnpp
per la Penitenziaria; Ugl, Snf, Cisl Fns e Uil Pa per il Corpo
Forestale; Fns Cisl, Uil Vvf, Confsal, Dirstat, Ugl Vvf per i
Vigili del fuoco e i Cocer di Esercito, Marina, Aeronautica,
Carabinieri e Guardia di Finanza.
"Ringraziamo Renzi - continuano Sindacati e Cocer - per aver
compreso le motivazioni e gli sforzi che anche i ministri e i
capi delle forze armate e delle amministrazioni interessate
hanno fatto per spiegare le ragioni della nostra vertenza che,
vogliamo sottolinearlo ancora una volta, non era finalizzata a
richieste di aumento salariale ma solo al Riconoscimento delle
somme dovute per legge e per contratto per premiare
meritocrazia, efficienza e totale disponibilita' all'impiego per
maggiori risultati".
I sindacati e i Cocer ricordano poi di aver "preso le
distanze, in tempi non sospetti e nell'interesse delle
Istituzioni e dei colleghi che rappresentiamo da coloro che,
strumentalmente e in danno degli operatori della sicurezza, del
soccorso pubblico e delle forze armate, hanno, in modo becero e
sotto una chiara regia politica, o di qualche sigla sindacale,
cercato in tutti i modi di far saltare l'accordo e la
risoluzione della problematica non lesinando persino oltraggi e
offese a chiunque sosteneva che il risultato era stato
raggiunto. Personaggi noti a tutti per i danni gia' causati ad
alcuni colleghi per il solo fine di apparire o di far sapere che
esistono".
"Nel dare atto al governo e al premier Renzi di aver
mantenuto l'impegno assunto - concludono sindacati e Cocer -
vogliamo rassicurare i cittadini e anche tutti i colleghi che
queste poche, anzi pochissime "noci" nel sacco vuoto, per quanto
tenteranno di far rumore per farsi sentire, restano solo
pochissime unita' in un universo che, come sempre, garantira' la
sicurezza, la difesa e il soccorso pubblico al nostro Paese".

PA: SINDACATI-COCER, INCONTRO CON RENZI SUGGELLO A SOLUZIONE TETTO SALARIALE =

Roma, 22 set. (AdnKronos) - ''Il comunicato della Presidenza del
Consiglio dei Ministri, con cui si preannuncia un incontro tra il
Premier Renzi e i sindacati e i Cocer che rappresentano il 94% dei
500mila addetti ai comparti Sicurezza, Difesa e Soccorso pubblico per
il prossimo 7 ottobre, è il suggello alla risoluzione positiva della
vertenza relativa allo sblocco del tetto salariale che si è potuto
ottenere, grazie alla determinazione ma anche al senso di
responsabilità istituzionale che tutti i Sindacati e i Cocer hanno
dimostrato di fronte all'apertura al confronto da parte del Governo''.
Lo sottolineano in una nota i sindacati rappresentativi e i Cocer dei
Comparti sicurezza, difesa e Soccorso pubblico, subito l'annuncio del
7 ottobre come data stabilita per l'incontro tra i rappresentanti del
personale e il presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

La nota è firmata per la Polizia da Siulp, Siap-Anfp, Silp Cgil,
Ugl-Polizia di Stato, Coisp, Consap, Uil Polizia-Anip; per la Polizia
penitenziaria Osapp, Uil- Penitenziari, Sinappe, Ugl Penitenziaria,
Fns-Cisl, Cnpp; per il Corpo forestale dello StatoUgl-Forestale, Snf,
Cisl Fns, Uil Pa; dai Cocer di Esercito, Marina, Aeronautica, Guardia
di Finanza e, per i Vigili del Fuoco, da Fns Cisl, Uil Vv.F, Confsal
Vv.F Dirstat Vv.F, Ugl Vv.F.

''Ringraziamo il presidente Renzi per aver compreso le motivazioni e
gli sforzi che anche i ministri e i capi delle forze armate e delle
Amministrazioni interessate hanno fatto per spiegare le ragioni della
nostra vertenza che, vogliamo sottolinearlo ancora una volta -
spiegano sindacati e Cocer - non era finalizzata a richieste di
aumento salariale ma solo al riconoscimento delle somme dovute per
legge e per contratto per premiare meritocrazia, efficienza e totale
disponibilità all'impiego per maggiori risultati''.

(segue)

(Red/AdnKronos)
22-SET-14 21:16

PA: SINDACATI-COCER, INCONTRO CON RENZI SUGGELLO A SOLUZIONE TETTO SALARIALE (2) =

(AdnKronos) - ''Abbiamo preso le distanze, in tempi non sospetti e
nell'interesse delle Istituzioni e dei colleghi che rappresentiamo -
ricordano i leader sindacali e i Cocer - da coloro che,
strumentalmente e in danno degli operatori della Sicurezza, del
Soccorso pubblico e delle Forze armate, hanno, in modo becero e sotto
una chiara regia politica, o di qualche sigla sindacale, cercato in
tutti i modi di far saltare l'accordo e la risoluzione della
problematica non lesinando persino oltraggi e offese a chiunque
sosteneva che il risultato era stato raggiunto''.

''Nel dare atto al Governo e al Premier Renzi di aver, come
preannunciato, mantenuto l'impegno assunto, vogliamo rassicurare i
cittadini e anche tutti i colleghi che queste poche, anzi pochissime
'noci' nel sacco vuoto, per quanto tenteranno di far rumore per farsi
sentire, restano solo pochissime unità in un universo che, come sempre
- concludono - garantirà la sicurezza, la difesa e il soccorso
pubblico al nostro Paese e in ogni altro luogo in cui ci sarà
necessità di democrazia, di pace e di civile convivenza nel rispetto
della più alta e nobile tradizione del nostro grande Paese''.

(Red/AdnKronos)
22-SET-14 21:17

V Congresso Nazionale Silp CGIL
Convenzioni SILP
SILP Telegram
#diecibuonimotivi
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.