Il Silp/Cgil auspica che l'azione del governo che si sta formando si traduca in una maggiore attenzione per la "specificità'" del nostro Comparto attraverso investimenti "reali" per la Sicurezza. A questo proposito e' inaccettabile per il SILP/CGIL qualunque ipotesi di proroga del blocco delle retribuzioni e dei contratti . Tra le priorità il Sindacato dei Poliziotti della CGIL ritiene indispensabile quanto necessario il reperimento di ulteriori risorse. Ci aspettiamo che il nuovo esecutivo ponga al centro della sua agenda oltre al lavoro e all'equità sociale le questioni connesse alla legalità e alla sicurezza in particolare sui temi quali la lotta alla criminalità che passa, anche, attraverso il mantenimento e il rafforzamento dei presidi esistenti, in particolare nelle aree più a rischio del paese,  una non più rinviabile  riforma delle carriere nonché un fase nuova di discussione vera sui temi della previdenza che riguarda migliaia di donne e uomini che prestano servizio in polizia in un momento in cui il loro ruolo e' sempre più significativo e importante.  Auspichiamo, pertanto, che il nuovo ministro per l'interno convochi i sindacati di polizia tra i suoi primi atti per illustrarci come intende affrontare i temi non rinviabili che riguardano aspetti contrattuali e dignità professionale. "

Speciale 20 anni SILP CGIL
Convenzioni SILP
SILP Telegram
V Congresso Nazionale Silp CGIL
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.