Roma, 11 gennaio 2018 - Si è svolto dalle 18 odierne il tavolo tecnico con il Governo sul rinnovo del contratto 2016/2018. La delegazione di Parte Pubblica era presieduta dal sottosegretario Angelo Rughetti ed era composta dai vertici delle amministrazioni del Comparto Sicurezza e Difesa.

La Parte Pubblica, che ha rinviato per due volte il prefissato incontro del 9 gennaio, si è presentata senza aver preventivamente fornito alle rappresentanze e ai sindacati dati e tabelle sulla destinazione delle risorse a disposizione.
Dalla Parte Pubblica, che al tavolo ha illustrato in modo del tutto sommario dati e cifre, sono state fornite le seguenti linee per la prosecuzione dei lavori:

  • la Parte economica anticiperà la discussione complessiva, tenendo però insieme anche la Parte normativa;
  • l'intenzione è quella di portare, nel rispetto dei saldi, il più possibile sulla componente fissa (parametri e indennità pensionabile), nella misura del 90%;
  • la vacanza contrattuale è costituita da risorse aggiuntive, che andranno a sommarsi alle risorse previste esistenti;
  • in questa cornice dovranno essere definiti gli effetti sugli arretrati del 2016 e 2017;
  • sui 150 milioni del DPCM da varare, stanziati per la specificità, è emersa la disponibilità della Parte Pubblica a discutere sulla destinazione delle stesse presso il tavolo contrattuale.

Fp Cgil e Silp Cgil, preoccupati per i ritardi con cui si sta svolgendo la trattativa e la mancanza di dati e proiezioni su cui ipotizzare la destinazione e la ricaduta delle risorse su parte fissa e accessoria, hanno accolto con favore la proposta formulata al tavolo precedente di procedere unitariamente con la discussione su parte fissa e parte accessoria e su parte normativa. Hanno inoltre accolto con soddisfazione che le risorse da destinare con successivo DPCM saranno oggetto di discussione sulla loro destinazione da parte del tavolo contrattuale, mentre hanno espresso preoccupazione per la persistente mancanza dei dati, che non permettono di avere certezze sul mantenimento del minimo accordato degli 85 € medi lordi. È necessario oggi costruire un metodo di lavoro per raggiungere in poco tempo un'intesa, in tempi certi.

Il tavolo è stato riaggiornato a mercoledì 17 gennaio, con preventivo invio dei dati e delle proiezioni sulle ricadute economiche e da quella data le convocazioni saranno almeno settimanali.

 

VENERDÌ 12 GENNAIO 2018 09.55.09
SILP CGILSICUREZZA

CONTRATTI: FP E SILP CGIL, PREOCCUPANO RITARDI RINNOVO PER SICUREZZA E DIFESA =

Roma, 12 gen. (AdnKronos) - ''Preoccupazione per i ritardi con cui si sta svolgendo la trattativa e la mancanza di dati e proiezioni su cui ipotizzare la destinazione e la ricaduta delle risorse su parte fissa e accessoria''. Così Fp e Silp Cgil commentano l'andamento della trattativa per il rinnovo del contratto Sicurezza e Difesa all'indomani del tavolo tecnico tra sindacati e governo. Incontro dove, fanno sapere Fp e Silp Cgil, ''la Parte Pubblica, che ha rinviato per due volte il prefissato incontro del 9 gennaio, si è presentata senza aver preventivamente fornito alle rappresentanze e ai sindacati dati e tabelle sulla destinazione delle risorse a disposizione''. Dalla Parte Pubblica, aggiungono, ''che al tavolo ha illustrato in modo del tutto sommario dati e cifre, sono state fornite le seguenti linee per la prosecuzione dei lavori: la Parte economica anticiperà la discussione complessiva, tenendo però insieme anche la Parte normativa; l'intenzione è quella di portare, nel rispetto dei saldi, il più possibile sulla componente fissa (parametri e indennità pensionabile), nella misura del 90%; la vacanza contrattuale è costituita da risorse aggiuntive, che andranno a sommarsi alle risorse previste esistenti; in questa cornice dovranno essere definiti gli effetti sugli arretrati del 2016 e 2017; sui 150 milioni del DPCM da varare, stanziati per la specificità, è emersa la disponibilità della Parte Pubblica a discutere sulla destinazione delle stesse presso il tavolo contrattuale''. (segue) (Rem/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 12-GEN-18 09:54 NNNN
VENERDÌ 12 GENNAIO 2018 09.55.15
SILP CGILSICUREZZA

CONTRATTI: FP E SILP CGIL, PREOCCUPANO RITARDI RINNOVO PER SICUREZZA E DIFESA (2) =

(AdnKronos) - Fp Cgil e Silp Cgil, preoccupati per l'andamento della trattativa, ''hanno accolto con favore la proposta formulata al tavolo precedente di procedere unitariamente con la discussione su parte fissa e parte accessoria e su parte normativa. Hanno inoltre accolto con soddisfazione che le risorse da destinare con successivo DPCM saranno oggetto di discussione sulla loro destinazione da parte del tavolo contrattuale, mentre hanno espresso preoccupazione per la persistente mancanza dei dati, che non permettono di avere certezze sul mantenimento del minimo accordato degli 85 euro medi lordi". "È necessario oggi costruire un metodo di lavoro per raggiungere in poco tempo un'intesa, in tempi certi. Il tavolo è stato riaggiornato a mercoledì 17 gennaio, con preventivo invio dei dati e delle proiezioni sulle ricadute economiche e da quella data le convocazioni saranno almeno settimanali'', concludono Fp e Silp Cgil. (Rem/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 12-GEN-18 09:54 NNNN

 

VENERDÌ 12 GENNAIO 2018 14.00.26
SILP CGILSICUREZZA

CONTRATTI: FP E SILP CGIL, PREOCCUPANO RITARDI TRATTATIVA RINNOVO SICUREZZA E DIFESA

CONTRATTI: FP E SILP CGIL, PREOCCUPANO RITARDI TRATTATIVA RINNOVO SICUREZZA E DIFESA (9Colonne) Roma, 12 gen - "Preoccupazione per i ritardi con cui si sta svolgendo la trattativa e la mancanza di dati e proiezioni su cui ipotizzare la destinazione e la ricaduta delle risorse su parte fissa e accessoria". Così Fp e SILP Cgil commentano l'andamento della trattativa per il rinnovo del contratto Sicurezza e Difesa all'indomani del tavolo tecnico tra sindacati e governo. Incontro dove, fanno sapere Fp e SILP Cgil, "la Parte Pubblica, che ha rinviato per due volte il prefissato incontro del 9 gennaio, si è presentata senza aver preventivamente fornito alle rappresentanze e ai sindacati dati e tabelle sulla destinazione delle risorse a disposizione". Dalla Parte Pubblica, aggiungono, "che al tavolo ha illustrato in modo del tutto sommario dati e cifre, sono state fornite le seguenti linee per la prosecuzione dei lavori: la Parte economica anticiperà la discussione complessiva, tenendo però insieme anche la Parte normativa; l'intenzione è quella di portare, nel rispetto dei saldi, il più possibile sulla componente fissa (parametri e indennità pensionabile), nella misura del 90%; la vacanza contrattuale è costituita da risorse aggiuntive, che andranno a sommarsi alle risorse previste esistenti; in questa cornice dovranno essere definiti gli effetti sugli arretrati del 2016 e 2017; sui 150 milioni del DPCM da varare, stanziati per la specificità, è emersa la disponibilità della Parte Pubblica a discutere sulla destinazione delle stesse presso il tavolo contrattuale". Fp Cgil e SILP Cgil, preoccupati per l'andamento della trattativa, "hanno accolto con favore la proposta formulata al tavolo precedente di procedere unitariamente con la discussione su parte fissa e parte accessoria e su parte normativa. Hanno inoltre accolto con soddisfazione che le risorse da destinare con successivo DPCM saranno oggetto di discussione sulla loro destinazione da parte del tavolo contrattuale, mentre hanno espresso preoccupazione per la persistente mancanza dei dati, che non permettono di avere certezze sul mantenimento del minimo accordato degli 85 € medi lordi. È necessario oggi costruire un metodo di lavoro per raggiungere in poco tempo un'intesa, in tempi certi. Il tavolo è stato riaggiornato a mercoledì 17 gennaio, con preventivo invio dei dati e delle proiezioni sulle ricadute economiche e da quella data le convocazioni saranno almeno settimanali", concludono Fp e SILP Cgil. (red) 121359 GEN 18 

 

Sicurezza e difesa, la trattativa per il rinnovo va a rilento
12 gennaio 2018 ore 10.05
Dopo l'incontro dell'11 gennaio, Fp e Silp Cgil esprimono preoccupazione: “Mancano dati e proiezioni su cui ipotizzare la destinazione e la ricaduta delle risorse su parte fissa e accessoria. Servono tempi certi.” Nuovo round mercoledì 17

Preoccupazione per i ritardi con cui si sta svolgendo la trattativa e la mancanza di dati e proiezioni su cui ipotizzare la destinazione e la ricaduta delle risorse su parte fissa e accessoria. La esprimono Fp e Silp Cgil, commentando l’andamento della trattativa per il rinnovo del contratto Sicurezza e Difesa all’indomani del tavolo tecnico tra sindacati e governo. Nell'incontro, fanno sapere i sindacati, “la parte pubblica, che ha rinviato per due volte il prefissato incontro del 9 gennaio, si è presentata senza aver preventivamente fornito alle rappresentanze e ai sindacati dati e tabelle sulla destinazione delle risorse a disposizione”.

“Al tavolo - aggiungono – ci sono stati illustrati in modo del tutto sommario dati e cifre”. Le linee per la prosecuzione dei lavori prevedono che la parte economica anticiperà la discussione complessiva, tenendo però insieme anche la parte normativa, e l'intenzione è quella di portare, nel rispetto dei saldi, il più possibile sulla componente fissa (parametri e indennità pensionabile), nella misura del 90%. La vacanza contrattuale è invece costituita da risorse aggiuntive, che andranno a sommarsi alle risorse previste esistenti. In questa cornice, poi, dovranno essere definiti gli effetti sugli arretrati del 2016 e 2017, mentre sui 150 milioni del Decreto del presidente del consiglio da varare stanziati per la specificità, è emersa la disponibilità della parte pubblica a discutere sulla destinazione.

Fp Cgil e Silp Cgil sono quindi preoccupati per l’andamento della trattativa. “Abbiamo accolto con favore la proposta formulata al tavolo precedente di procedere unitariamente con la discussione su parte fissa e parte accessoria e su parte normativa – hanno detto - . Abbiamo anche accolto con soddisfazione che le risorse da destinare con successivo decreto saranno oggetto di discussione”, ma restano preoccupati “per la persistente mancanza dei dati, che non permettono di avere certezze sul mantenimento del minimo accordato degli 85 euro medi lordi”.

Per i sindacati, infatti, “è necessario oggi costruire un metodo di lavoro per raggiungere in poco tempo un'intesa, in tempi certi. Il tavolo è stato riaggiornato a mercoledì 17 gennaio, con preventivo invio dei dati e delle proiezioni sulle ricadute economiche e da quella data le convocazioni saranno almeno settimanali”.

Leggi l'articolo  CLICCA QUI 

 

 

 

 

Contratti: Fp e Silp Cgil, preoccupano ritardi trattativa rinnovo per sicurezza e difesa

Roma, 12 gennaio - 'Preoccupazione per i ritardi con cui si sta svolgendo la trattativa e la mancanza di dati e proiezioni su cui ipotizzare la destinazione e la ricaduta delle risorse su parte fissa e accessoria'. Così Fp e Silp Cgil commentano l'andamento della trattativa per il rinnovo del contratto Sicurezza e Difesa all'indomani del tavolo tecnico tra sindacati e governo. Incontro dove, fanno sapere Fp e Silp Cgil, 'la Parte Pubblica, che ha rinviato per due volte il prefissato incontro del 9 gennaio, si è presentata senza aver preventivamente fornito alle rappresentanze e ai sindacati dati e tabelle sulla destinazione delle risorse a disposizione'.

Dalla Parte Pubblica, aggiungono, 'che al tavolo ha illustrato in modo del tutto sommario dati e cifre, sono state fornite le seguenti linee per la prosecuzione dei lavori: la Parte economica anticiperà la discussione complessiva, tenendo però insieme anche la Parte normativa; l'intenzione è quella di portare, nel rispetto dei saldi, il più possibile sulla componente fissa (parametri e indennità pensionabile), nella misura del 90%; la vacanza contrattuale è costituita da risorse aggiuntive, che andranno a sommarsi alle risorse previste esistenti; in questa cornice dovranno essere definiti gli effetti sugli arretrati del 2016 e 2017; sui 150 milioni del DPCM da varare, stanziati per la specificità, è emersa la disponibilità della Parte Pubblica a discutere sulla destinazione delle stesse presso il tavolo contrattuale'.

Fp Cgil e Silp Cgil, preoccupati per l'andamento della trattativa, 'hanno accolto con favore la proposta formulata al tavolo precedente di procedere unitariamente con la discussione su parte fissa e parte accessoria e su parte normativa. Hanno inoltre accolto con soddisfazione che le risorse da destinare con successivo DPCM saranno oggetto di discussione sulla loro destinazione da parte del tavolo contrattuale, mentre hanno espresso preoccupazione per la persistente mancanza dei dati, che non permettono di avere certezze sul mantenimento del minimo accordato degli 85 € medi lordi. È necessario oggi costruire un metodo di lavoro per raggiungere in poco tempo un'intesa, in tempi certi. Il tavolo è stato riaggiornato a mercoledì 17 gennaio, con preventivo invio dei dati e delle proiezioni sulle ricadute economiche e da quella data le convocazioni saranno almeno settimanali', concludono Fp e  Silp Cgil.

Leggi l'articolo  CLICCA QUI

 

 

 

#diecibuonimotivi
SILP Telegram
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.