SICUREZZA: SILP-CGIL, QUALITA' LAVORO E' TEMA PRIORITARIO

(ANSA) - ROMA, 4 APR - "Il tema dell'organizzazione e della qualita' del lavoro e' primario: il sistema di turnazione, unitamente alla tipologia e alla specificita' di alcuni impieghi, rappresenta la principale causa di stress e di disagio per il personale della Polizia e delle forze dell'ordine, con conseguenze psicofisiche ben documentate dalla scienza medica". E' quanto ha sottolineato il segretario del Silp Cgil Daniele Tissone intervenuto al convegno del sindacato dedicato alle condizioni di lavoro degli operatori del comparto sicurezza. "Diritti e tutele sono fondamentali per migliorare la qualita' del lavoro delle donne e degli uomini in divisa. Una qualita' - ha sottolineato ancora Tissone - che ha poi dirette conseguenze sull'efficienza e sui servizi offerti ai cittadini. Viviamo un momento complicato, dove il personale e' carente un po' ovunque e dove l'eta' media ormai viaggia sui 50 anni. Tutto questo si unisce all'incremento delle esigenze di sicurezza. Gli operatori sono quindi sempre piu' spesso 'spremuti' e sempre piu' spesso i diritti diventano un 'optional'. Tutto questo incide pesantemente sulla salute". Ecco perche', ha concluso il segretario del Silp Cgil, "occorre incrementare il ricorso dei poliziotti alle cure mediche, ovviamente curando la riservatezza, e separare il profilo sanitario da quello disciplinare, perche' chi ha un disagio deve sentirsi libero di poterlo esprimere senza correre il rischio di subire contraccolpi".
(ANSA). COM-GUI 04-APR-18 17:56 NNNN

 

 

SICUREZZA: CGIL, DIRITTO ASSOCIAZIONE SINDACALE A TUTTO COMPARTO DIFESA
'Presenteremo proposta di legge di iniziativa popolare'

Roma, 4 apr. (AdnKronos) - "A ormai 37 anni dall'approvazione della legge di riforma 121 del 1981 che ha introdotto il diritto di associazione sindacale nel corpo di Polizia, è necessario e non più rinviabile rendere pienamente esigibile e libero tale diritto, ed estenderlo all'insieme dei comparti della Difesa''. È quanto dichiara il segretario confederale della Cgil Giuseppe Massafra nel corso dell'iniziativa "Le condizioni di lavoro degli operatori del comparto difesa e sicurezza. Tutela e diritti associativi", organizzata da Cgil, Silp Cgil, Fp Cgil, Assodipro, Ficiesse e Giornale dei militari. "Come emerso ancora una volta dal convegno di oggi - aggiunge il dirigente sindacale - occorre intervenire a partire dalle condizioni di vita e di lavoro degli operatori del comparto, che assumono troppo spesso caratteri di criticità preoccupanti, tali da portare in un numero eccessivo di casi a patologie di vario tipo o addirittura al suicidio". "Per questo ci assumiamo la responsabilità di promuovere una proposta di legge di iniziativa popolare di riforma organica - aggiunge in conclusione Massafra - che punti ad inserire nell'agenda di Parlamento e politica un tema che tocca i diritti dei lavoratori che garantiscono ogni giorno la nostra sicurezza".
(Sec-Arm/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 04-APR-18 18:06 NNNN

 

 

SICUREZZA: SILP CGIL, ORGANIZZAZIONE E QUALITA' DEL LAVORO SONO TEMA PRIMARIO
'Gli operatori sono sempre piu' spesso 'spremuti', chi ha un disagio devi sentirsi libero di poterlo esprimere'

Roma, 4 apr. (AdnKronos) - "Il tema dell'organizzazione e della qualità del lavoro è primario. Il sistema di turnazione, unitamente alla tipologia e alla specificità di alcuni impieghi, rappresenta la principale causa di stress e di disagio per il personale della Polizia di Stato e delle Forze dell'Ordine, con conseguenze psicofisiche ben documentate dalla scienza medica". Lo afferma Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil, protagonista oggi a Roma di un convegno dedicato alle condizioni di lavoro degli operatori del comparto sicurezza al quale ha preso parte anche il prefetto Franco Gabrielli. "Lo abbiamo visto anche nell'ultima, delicata partita di rinnovo contrattuale - dice Tissone - dove organizzazioni di rappresentanza del personale hanno puntato unicamente sulla parte 'economica', trascurando il cosiddetto 'normativo', cioè tutta quella serie di diritti e tutele che sono fondamentali per migliorare la qualità del lavoro delle donne e degli uomini in divisa. Una qualità che poi ha dirette conseguenze sull'efficienza e sui servizi offerti ai cittadini. Viviamo un momento complicato, dove il personale è carente un po' ovunque e dove l'età media ormai viaggia sui 50 anni. Tutto questo si unisce all'incremento delle esigenze di sicurezza. Gli operatori sono quindi sempre più spesso 'spremuti' e sempre più spessi i diritti, basti pensare a quelli legati alla genitorialità, diventano un 'optional'. Tutto questo incide pesantemente sulla salute". "A nostro avviso - afferma il segretario del Silp Cgil - occorre incrementare il ricorso dei poliziotti alle cure mediche, ovviamente curando la riservatezza, e separare il profilo sanitario da quello disciplinare, perché chi ha un disagio devi sentirsi libero di poterlo esprimere senza correre il rischio di subire contraccolpi. Su questi aspetti è aperto da tempo un confronto con l'Amministrazione della pubblica sicurezza. Noi sui diritti, a partire da quello della salute, saremo sempre vigili".
(Sib/AdnKronos) ISSN 2465 - 1222 04-APR-18 16:55 NNNN

 

 

POLIZIA: GABRIELLI, LEGGE 121 DA AGGIORNARE E ATTUALIZZARE

(ANSA) - ROMA, 4 APR - "La legge 121 ha segnato in maniera significativa la sicurezza in questo paese ma ora va rivista, aggiornata e attualizzata". Lo ha detto il capo della Polizia Franco Gabrielli intervenendo ad un'iniziativa della Cgil dedicata alle condizioni di lavoro degli operatori del comparto sicurezza, sottolineando che la rivisitazione non deve riguardare "la sua architettura generale ma quegli strumenti con cui si puo' realizzare il suo disegno rifondatore". Si tratta di un tema, ha spiegato il capo della Polizia, "importante e attuale" che riguarda in pieno la sicurezza e la salute di chi fa sicurezza. E sul quale "mi piacerebbe ci fosse una condivisione di tutti, che non vuol dire unanimismo ma possibilita' di fare un percorso insieme". Perche' quando "l'interesse generale e' al centro, il Paese e' in condizioni di fare cose straordinarie". E allora, ha aggiunto, a 37 anni dal varo di questa legge, "una rivisitazione deve esser fatta". Gabrielli ha poi affrontato il tema dei suicidi nelle forze di Polizia "che non e' un fenomeno emergenziale, anche se e' la spia di una sofferenza". E proprio per affrontare questo disagio, nel provvedimento di rinnovo delle carriere, e' stato triplicato il numero degli psicologi a disposizione.
(ANSA). GUI 04-APR-18 17:45 NNNN

 

 

SEGRETO STATO: GABRIELLI, DOPO 30 ANNI DOVREBBE VENIRE MENO

(ANSA) - ROMA, 4 APR - "Dopo i 30 anni i segreti di Stato dovrebbero venire meno". Lo ha detto il capo della Polizia Franco Gabrielli nel corso di un'intervento ad un'iniziativa della Cgil sulle condizioni di lavoro degli operatori del comparto sicurezza. Gabrielli ha fatto riferimento al segreto di Stato in un piu' ampio discorso sulle necessita' di una nuova "etica pubblica" fondata su "responsabilita' e trasparenza". "Tutto cio' che e' pubblico - ha sottolineato - e' una garanzia per tutti. Poi certo, ci sono i segreti, che hanno una loro valenza e importanza soprattutto in certi ambiti. Ma dopo 30 anni i segreti di Stato dovrebbero venire meno". Anche perche' molto spesso, ha concluso, "un atteggiamento non aperto e poco trasparente produce un atteggiamento contrario, che fa pensare chissa' quale segreto si nasconda dietro".
(ANSA). GUI 04-APR-18 17:55 NNNN

 

 LA LOCANDINA DELL'EVENTO

 

#diecibuonimotivi
SILP Telegram
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.