DECRETO LEGISLATIVO 21 maggio 2018, n. 53

Attuazione della direttiva (UE) 2016/681 del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 27 aprile 2016, sull'uso dei dati del codice di
prenotazione (PNR) a fini di prevenzione, accertamento, indagine e
azione penale nei confronti dei reati di terrorismo e dei reati gravi
e disciplina dell'obbligo per i vettori di comunicare i dati relativi
alle persone trasportate in attuazione della direttiva 2004/82/CE del
Consiglio del 29 aprile 2004. (18G00081)

(GU n.120 del 25-5-2018)

Vigente al: 9-6-2018

 

Capo I

Disposizioni generali




IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Vista la direttiva (UE) 2016/681 del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 27 aprile 2016, sull'uso dei dati del codice di
prenotazione (PNR) a fini di prevenzione, accertamento, indagine e
azione penale nei confronti dei reati di terrorismo e dei reati
gravi;
Vista la decisione di esecuzione (UE) 2017/759 della Commissione,
del 28 aprile 2017, sui protocolli comuni e i formati dei dati che i
vettori aerei devono utilizzare per trasferire i dati PNR alle Unita'
di informazione sui passeggeri;
Visto il regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone
fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonche' alla
libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE
(regolamento generale sulla protezione dei dati);
Visto il decreto legislativo recante attuazione della direttiva
(UE) 2016/680 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile
2016, relativa alla protezione delle persone fisiche con riguardo al
trattamento dei dati personali da parte delle Autorita' competenti a
fini di prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di reati
o esecuzione di sanzioni penali, nonche' alla libera circolazione di
tali dati e che abroga la decisione quadro 2008/977/GAI del
Consiglio;
Visto il decreto legislativo 2 agosto 2007, n. 144, recante
attuazione della direttiva 2004/82/CE concernente l'obbligo per i
vettori aerei di comunicare i dati relativi alle persone trasportate;
Vista la legge 25 ottobre 2017, n. 163, recante delega al Governo
per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri
atti dell'Unione europea - Legge di delegazione europea 2016-2017;
Visto il regio decreto 30 marzo 1942, n. 327, recante approvazione
del testo definitivo del Codice della navigazione e successive
modificazioni;
Vista la legge 1° aprile 1981, n. 121, recante nuovo ordinamento
dell'Amministrazione della pubblica sicurezza;
Vista la legge 24 novembre 1981, n. 689, recante modifiche al
sistema penale;
Vista la legge 30 settembre 1993, n. 388, recante: «Ratifica ed
esecuzione: a) del protocollo di adesione del Governo della
Repubblica italiana all'accordo di Schengen del 14 giugno 1985 tra i
Governi degli Stati dell'Unione economica del Benelux, della
Repubblica federale di Germania e della Repubblica francese relativo
all'eliminazione graduale dei controlli alle frontiere comuni, con
due dichiarazioni comuni; b) dell'accordo di adesione della
Repubblica italiana alla convenzione del 19 giugno 1990 di
applicazione del summenzionato accordo di Schengen, con allegate due
dichiarazioni unilaterali dell'Italia e della Francia, nonche' la
convenzione, il relativo atto finale, con annessi l'atto finale, il
processo verbale e la dichiarazione comune dei Ministri e Segretari
di Stato firmati in occasione della firma della citata convenzione
del 1990, e la dichiarazione comune relativa agli articoli 2 e 3
dell'accordo di adesione summenzionato; c) dell'accordo tra il
Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica
francese relativo agli articoli 2 e 3 dell'accordo di cui alla
lettera b); tutti atti firmati a Parigi il 27 novembre 1990.»;
Visto il decreto legislativo 25 luglio 1997, n. 250, recante
istituzione dell'Ente nazionale per l'aviazione civile (E.N.A.C.);
Visto il testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina
dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero di cui al
decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286;
Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante codice
in materia di protezione dei dati personali e successive
modificazioni;
Visto il decreto-legge 8 settembre 2004, n. 237, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2004, n. 265;
Vista la legge 3 agosto 2007, n. 124, concernente sistema di
informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova disciplina del
segreto;
Visto il decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante
codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonche'
nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma
degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei ministri,
adottata nella riunione dell'8 febbraio 2018;
Acquisito il parere del Garante per la protezione dei dati
personali, espresso nella riunione del 22 febbraio 2018;
Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei
deputati e del Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella
riunione del 16 maggio 2018;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei ministri e dei
Ministri dell'interno e della giustizia, di concerto con i Ministri
della difesa, dell'economia e delle finanze e degli affari esteri e
della cooperazione internazionale;

E m a n a
il seguente decreto legislativo:

Art. 1


Oggetto e ambito di applicazione

1. Il presente decreto, in attuazione della direttiva (UE) 2016/681
del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016, sull'uso
dei dati del codice di prenotazione (PNR) a fini di prevenzione,
accertamento, indagine e azione penale nei confronti dei reati di
terrorismo e dei reati gravi, disciplina:
a) il trasferimento a cura dei vettori aerei dei dati del codice
di prenotazione dei passeggeri (PNR) dei voli extra-UE e dei voli
intra-UE;
b) le modalita' del trattamento dei dati di cui alla lettera a),
comprese le operazioni di raccolta, uso, conservazione e scambio con
gli Stati membri.
2. Il presente decreto disciplina, altresi', il trattamento dei
dati API trasmessi dai vettori aerei e relativi ai passeggeri che
fanno ingresso nel territorio dello Stato italiano, effettuato dai
competenti Uffici incaricati dei controlli di polizia di frontiera.
3. Le disposizioni del presente decreto non pregiudicano
l'applicazione degli accordi o delle intese bilaterali o
multilaterali sullo scambio di informazioni tra autorita' competenti
entrati in vigore con Stati membri dell'Unione europea entro il 24
maggio 2016, in quanto compatibili con la direttiva di cui al comma
1, ne' l'applicazione degli obblighi derivanti da accordi bilaterali
o multilaterali conclusi con Stati non appartenenti all'Unione
europea.

Art. 2


Definizioni

1. Ai fini del presente decreto si intende per:
a) «dati PNR», le informazioni relative al viaggio di ciascun
passeggero consistenti nei dati di cui all'allegato I della direttiva
(UE) 2016/681, necessari per il trattamento e il controllo delle
prenotazioni da parte dei vettori aerei e contenuti nel codice di
prenotazione. Nel caso in cui con una singola prenotazione vengano
acquistati piu' biglietti, il PNR contiene le informazioni relative a
tutti i soggetti cui la prenotazione si riferisce, siano esse
registrate nei sistemi di prenotazione o di controllo delle partenze
in fase di imbarco o in sistemi equivalenti dotati delle medesime
funzionalita';
b) «mascheramento dei dati», l'operazione attraverso la quale
vengono resi non visibili alla consultazione le informazioni che
consentono l'identificazione diretta dell'interessato;
c) «pseudonimizzazione»: il trattamento dei dati personali in
modo tale che i dati personali non possano piu' essere attribuiti a
un interessato specifico senza l'utilizzo di informazioni aggiuntive,
a condizione che tali informazioni aggiuntive siano conservate
separatamente e soggette a misure tecniche e organizzative intese a
garantire che i dati personali non siano attribuiti a una persona
fisica identificata o identificabile;
d) «metodo push», il metodo in base al quale i vettori aerei
trasferiscono i dati PNR al Sistema Informativo di cui al comma 2,
lettera m);
e) «passeggero», chiunque, a esclusione dei membri
dell'equipaggio, sia trasportato o da trasportare in un aeromobile,
anche nella fase di transito o trasferimento, e risulti registrato
nelle liste dei passeggeri;
f) «reati di terrorismo», i reati di cui all'articolo 51, comma
3-quater, del codice di procedura penale;
g) «reati gravi», i reati che, ai sensi della legge penale
italiana, integrano le fattispecie elencate nell'allegato II della
direttiva (UE) 2016/681, puniti con una pena detentiva o una misura
di sicurezza privativa della liberta' personale non inferiore a tre
anni;
h) «sistema di prenotazione», il sistema interno del vettore
aereo in cui sono raccolti i dati PNR ai fini della gestione delle
prenotazioni;
i) «vettore aereo», l'impresa di trasporto aereo titolare di una
licenza di esercizio in corso di validita' o equivalente che le
consente di effettuare trasporti aerei di passeggeri;
l) «volo extra-UE», il volo di linea o non di linea effettuato da
un vettore aereo proveniente da un Paese terzo e il cui atterraggio
e' previsto nel territorio nazionale oppure in partenza dal
territorio nazionale e il cui atterraggio e' previsto in un Paese
terzo, compresi, in entrambi i casi, i voli con scali nel territorio
di Stati membri o di Paesi terzi;
m) «volo intra-UE», il volo di linea o non di linea effettuato da
un vettore aereo proveniente dal territorio di uno Stato membro e il
cui atterraggio e' previsto nel territorio nazionale o viceversa,
senza alcuno scalo nel territorio di un Paese terzo.
2. Ai fini del presente decreto si intendono, altresi', per:
a) «autorita' competenti», le autorita' responsabili della
prevenzione e del perseguimento dei reati di terrorismo e dei reati
gravi, individuate da ogni Stato membro e comunicate alla Commissione
europea in conformita' alla direttiva (UE) 2016/681;
b) «autorita' competenti nazionali», le Forze di polizia di cui
all'articolo 16, primo comma, della legge 1° aprile 1981, n. 121, la
Direzione Investigativa Antimafia, gli organismi previsti dagli
articoli 4, 6 e 7 della legge 3 agosto 2007, n. 124, nonche' la
Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo di cui all'articolo
103 del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159 e le Autorita'
giudiziarie competenti a perseguire i reati di cui al comma 1,
lettere e) e f);
c) «CED», il Centro elaborazione dati di cui all'articolo 8 della
legge 1° aprile 1981, n. 121;
d) «code sharing», il trasporto di passeggeri operato da uno o
piu' vettori aerei per conto di altri vettori aerei e regolato da
apposita convenzione;
e) «Codice in materia di protezione dei dati personali», il
decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196;
f) «regolamento generale sulla protezione dei dati», il
regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del
27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con
riguardo al trattamento dei dati personali, nonche' alla libera
circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE;
g) «decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE)
2016/680», il decreto legislativo recante attuazione della direttiva
(UE) 2016/680 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile
2016, relativa alla protezione delle persone fisiche con riguardo al
trattamento dei dati personali da parte delle Autorita' competenti ai
fini della prevenzione, indagine, accertamento e perseguimento di
reati o esecuzione di sanzioni penali, nonche' alla libera
circolazione di tali dati e che abroga la decisione quadro
2008/977/GAI del Consiglio;
h) «Dipartimento della Pubblica Sicurezza», il Dipartimento della
Pubblica Sicurezza, di cui all'articolo 4 della legge 1° aprile 1981,
n. 121;
i) «Direzione Centrale della Polizia Criminale», la Direzione
Centrale della Polizia Criminale del Dipartimento della Pubblica
Sicurezza, di cui all'articolo 5, primo comma, lettera c), della
legge n. 121 del 1981;
l) «Direzione Centrale dell'Immigrazione e della Polizia delle
Frontiere», la Direzione Centrale dell'Immigrazione e della Polizia
delle Frontiere del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, di cui
all'articolo 35 della legge 30 luglio 2002, n. 189;
m) «ENAC», l'Ente nazionale per l'aviazione civile, istituito con
decreto legislativo 25 luglio 1997, n. 250;
n) «frequent flyer», i viaggiatori abituali;
o) «riscontro negativo», l'esito dell'attivita' di analisi dei
dati PNR effettuata dall'UIP nazionale in base alla quale un
passeggero non e' sospettato di essere implicato in un reato di
terrorismo o in reati gravi;
p) «riscontro positivo», l'individuazione di un passeggero
sospettato di essere implicato in un reato di terrorismo o in reati
gravi, all'esito dell'attivita' di analisi dei dati PNR effettuata
dall'UIP nazionale;
q) «Sistema Informativo», il sistema informativo per l'uso dei
dati PNR, istituito presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza,
finalizzato alla raccolta, al trattamento e al trasferimento dei dati
PNR;
r) «Unita' d'informazione sui passeggeri (UIP)», autorita'
competente, in materia di prevenzione e repressione dei reati di
terrorismo e dei reati gravi, individuata da ciascuno Stato membro ai
sensi della direttiva (UE) 2016/681;
s) «Unita' d'informazione sui passeggeri (UIP) nazionale»,
l'unita' istituita presso il Ministero dell'interno, Dipartimento
della Pubblica Sicurezza, nell'ambito della Direzione Centrale della
Polizia Criminale competente in materia di prevenzione e repressione
dei reati di terrorismo e dei reati gravi.
3. Ai fini del presente decreto si intendono, inoltre, per:
a) «controllo alla frontiera», il controllo, effettuato alla
frontiera, secondo le modalita' indicate dall'articolo 2 del
regolamento (UE) 2016/399 del Parlamento europeo e del Consiglio del
9 marzo 2016;
b) Sistema informativo frontaliero Border Control System Italia
(BCS): il sistema informativo istituito presso il Ministero
dell'interno, Dipartimento della pubblica sicurezza, Direzione
Centrale dell'Immigrazione e della Polizia delle Frontiere per la
raccolta e il trattamento delle informazioni acquisite ai sensi della
direttiva 2004/82/CE;
c) «dati API», parte dei dati PNR, comprendenti il tipo, il
numero, paese di rilascio e la data di scadenza del documento di
viaggio utilizzato, la cittadinanza, il nome completo, sesso, la data
e il luogo di nascita, il valico di frontiera di ingresso nel
territorio italiano, la compagnia aerea, il numero del volo, la data
di partenza e di arrivo, l'ora di partenza, l'ora di arrivo e la
durata del volo, l'aeroporto di partenza e di arrivo, il numero
complessivo dei passeggeri trasportati con tale volo, il primo punto
di imbarco;
d) «frontiere esterne», le frontiere esterne dello Stato italiano
con i Paesi non appartenenti all'Unione europea;
e) «Uffici incaricati dei controlli di polizia di frontiera», gli
uffici o reparti delle Forze di polizia incaricati dei controlli di
polizia di frontiera;
f) «valico di frontiera», il valico di frontiera presidiato da
uffici o reparti delle Forze di polizia incaricati dei controlli di
polizia di frontiera.

Capo II

Finalita' del trattamento dei dati e organizzazione del Sistema
Informativo

Art. 3


Finalita' dei trattamenti

1. I dati PNR raccolti a norma del presente decreto sono trattati a
fini di prevenzione e repressione dei reati di terrorismo e dei reati
gravi, secondo quanto previsto all'articolo 6, comma 2, lettere b),
c) e d).
2. I dati API raccolti e resi disponibili agli Uffici incaricati
dei controlli di polizia di frontiera a norma del presente decreto
sono trattati al fine di migliorare i controlli alle frontiere
esterne e prevenire l'immigrazione illegale. In caso di ripristino
temporaneo dei controlli di frontiera alle frontiere interne il
trattamento dei dati API e' esteso anche ai voli intra-UE.

Art. 4


Sistema Informativo

1. Ai fini della raccolta, del trattamento e del trasferimento dei
dati PNR e dei dati API e' istituito un apposito Sistema Informativo
presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza che ne garantisce la
gestione tecnica e informatica. A tal fine, il predetto Dipartimento
e' il titolare del trattamento dei dati PNR e dei dati API, secondo
quanto previsto dal decreto legislativo di attuazione della direttiva
(UE) 2016/680.
2. I responsabili del trattamento dei dati, secondo quanto previsto
dal decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE) 2016/680,
sono la Direzione Centrale della Polizia Criminale per il trattamento
dei dati e per le finalita' previste dall'articolo 3, comma 1, e la
Direzione Centrale dell'Immigrazione e della Polizia delle Frontiere
per il trattamento dei dati e per le finalita' previste dall'articolo
3, comma 2.
3. Le interrogazioni del Sistema Informativo possono essere
effettuate per le finalita' di cui all'articolo 3; a ciascuna delle
predette finalita' corrisponde uno specifico profilo di
autorizzazione.
4. Il trattamento dei dati PNR e dei dati API e' consentito
unicamente al personale cui siano state preventivamente rilasciate le
necessarie credenziali di autenticazione.
5. Con decreto del Ministro dell'interno, sentito il Garante per la
protezione dei dati personali, adottato entro tre mesi dalla data di
entrata in vigore del presente decreto e pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale, sono disciplinate le modalita' tecniche:
a) di funzionamento del Sistema Informativo;
b) di autenticazione, autorizzazione e registrazione degli
accessi e delle operazioni effettuate nel Sistema Informativo;
c) di consultazione da parte dei soggetti autorizzati, ivi
comprese le procedure tecniche e operative di mascheramento e
cancellazione dei dati ai sensi dell'articolo 10;
d) di raffronto informatico dei dati PNR con quelli conservati
nel CED e nelle altre banche dati nazionali, europee ed
internazionali contenenti informazioni utili ai fini di prevenzione e
repressione dei reati di terrorismo e dei reati gravi;
e) di raffronto informatico dei dati API con quelli conservati
nel CED e nelle altre banche dati nazionali, europee ed
internazionali contenenti informazioni utili ai fini di prevenzione
dell'immigrazione irregolare;
f) di trasferimento delle informazioni, con strumenti
informatici, dall'UIP nazionale alle autorita' competenti nazionali;
g) di trasferimento dei dati PNR da parte dei vettori aerei.
6. Relativamente agli organismi previsti dagli articoli 4, 6 e 7
della legge 3 agosto 2007, n. 124, le modalita' di cui al comma 5,
lettera f), sono disciplinate con un regolamento adottato, entro tre
mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, ai sensi
degli articoli 13, comma 2, e 43 della legge n. 124 del 2007, di
concerto con il Ministro dell'interno.
7. Il Sistema Informativo utilizza i formati di dati e i protocolli
informatici comuni individuati con la decisione di esecuzione (UE)
2017/759 della Commissione, del 28 aprile 2017, garantisce
l'individuazione del soggetto che effettua ciascuna interrogazione e
conserva la traccia di ciascun accesso.

Art. 5


Modalita' di trasferimento dei dati PNR al Sistema Informativo

1. I vettori aerei trasferiscono al Sistema Informativo, attraverso
il «metodo push», i dati PNR relativi ai voli extra-UE e intra-UE, in
partenza, in arrivo o facenti scalo nel territorio nazionale,
raccolti nel normale svolgimento della loro attivita'. Per i voli
operati in code-sharing da uno o piu' vettori aerei, il trasferimento
dei dati PNR e' effettuato dal vettore aereo che opera il volo.
2. Il trasferimento dei dati PNR e' effettuato elettronicamente,
utilizzando i formati di dati e i protocolli informatici di cui
all'articolo 4, comma 7. I vettori aerei hanno l'obbligo di scegliere
e notificare all'UIP nazionale il formato di dati e il protocollo
informatico che intendono utilizzare per l'effettuazione dei
trasferimenti.
3. Il vettore, in caso di guasto tecnico, ovvero nel caso in cui
debba procedere all'adeguamento dei propri sistemi informatici ai
formati di dati e ai protocolli informatici di cui all'articolo 4,
comma 7, nelle more di tale adeguamento, effettua il trasferimento
dei dati PNR con un mezzo elettronico o altro strumento appropriato,
individuato dall'UIP nazionale con apposita prescrizione, sentito il
Garante per la protezione dei dati personali, che assicuri
equivalenti livelli di protezione dei dati personali e offra adeguate
garanzie rispetto alle misure di sicurezza tecniche.
4. I vettori aerei che non effettuano voli extra-UE e intra-UE
secondo un programma operativo pubblico specifico e che non
possiedono l'infrastruttura necessaria a supportare i formati di dati
e i protocolli di trasmissione elencati nell'allegato della decisione
di esecuzione di cui all'articolo 4, comma 7, trasferiscono i dati
PNR e utilizzano differenti protocolli di trasmissione avvalendosi di
un mezzo elettronico ovvero di altro strumento che offra adeguate
garanzie rispetto alle misure di sicurezza tecniche, individuato
dall'UIP nazionale con apposita prescrizione, sentito il Garante per
la protezione dei dati personali.
5. I vettori aerei trasferiscono i dati PNR:
a) in un periodo compreso tra le ventiquattro e le quarantotto
ore antecedenti all'orario previsto per la partenza del volo; e
b) immediatamente dopo la chiusura del volo, quando non e' piu'
possibile l'imbarco o lo sbarco di passeggeri, anche mediante
l'aggiornamento dei dati trasferiti ai sensi della lettera a).
6. Nel caso di pericolo imminente e concreto che possa essere
commesso un reato di terrorismo o un altro reato grave, i vettori
aerei, su richiesta dell'UIP, trasferiscono senza ritardo i dati PNR
anche in un momento antecedente a quelli indicati al comma 5.
7. Nel caso in cui i vettori trasferiscano dati diversi da quelli
indicati nell'allegato I della direttiva (UE) 2016/681, l'UIP
nazionale provvede senza ritardo alla loro definitiva cancellazione.

Art. 6


Unita' d'informazione sui passeggeri (UIP) nazionale

1. L'UIP nazionale e' composta da personale delle Forze di polizia
di cui all'articolo 16, primo comma, della legge n. 121 del 1981.
L'organizzazione dell'UIP nazionale e la relativa pianta organica
sono definite con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con
il Ministro dell'economia e delle finanze, ai sensi dell'articolo 5,
settimo comma, della legge n. 121 del 1981. Il relativo contingente
di personale e' determinato, ai sensi dell'articolo 6, secondo comma,
della legge n. 121 del 1981, rispettivamente, con decreto del
Ministro dell'interno, con riguardo al personale appartenente ai
ruoli della Polizia di Stato, e con decreto del Presidente del
Consiglio dei ministri, con riguardo al personale delle altre Forze
di polizia.
2. L'UIP nazionale:
a) riceve, anche avvalendosi di un operatore economico
qualificato, i dati PNR dai vettori aerei;
b) effettua, prima dell'arrivo o della partenza del volo,
attivita' di analisi dei dati ricevuti al fine di individuare i
passeggeri sospettati di essere implicati in reati di terrorismo o in
reati gravi per i quali e' necessario procedere a ulteriori verifiche
da parte delle autorita' competenti e di Europol;
c) sulla base di una richiesta debitamente motivata, provvede a
comunicare, caso per caso, alle autorita' competenti nazionali o, nei
casi di cui all'articolo 14, alle autorita' competenti di Stati
membri ovvero, nelle ipotesi di cui all'articolo 18, a Europol i dati
PNR o i risultati del loro trattamento;
d) all'esito dell'analisi dei dati PNR, aggiorna i criteri di cui
all'articolo 8, comma 1, lettera b), sulla base dei quali sono
effettuate le valutazioni finalizzate a individuare i passeggeri
sospettati di essere implicati in reati di terrorismo o in reati
gravi ai sensi della lettera b) del presente comma;
e) scambia sia i dati PNR che i risultati del loro trattamento
con le UIP di altri Stati membri in conformita' a quanto stabilito
dagli articoli 13, 15 e 17.
3. Nel caso in cui l'UIP nazionale riceva i dati PNR dai vettori
aerei avvalendosi di un operatore economico qualificato, tale
operatore e' responsabile del relativo trattamento ai sensi della
normativa vigente in materia di protezione dei dati personali.

Art. 7


Uffici incaricati dei controlli di polizia di frontiera

1. Gli Uffici incaricati di effettuare i controlli delle persone
alle frontiere esterne attraverso le quali i passeggeri entrano nel
territorio dello Stato provvedono al trattamento dei dati API per
agevolare l'esecuzione di tali controlli al fine di prevenire
l'immigrazione irregolare.

Art. 8


Trattamento dei dati PNR

1. Ai fini delle attivita' di analisi di cui all'articolo 6, comma
2, lettera b), l'UIP nazionale puo':
a) confrontare i dati PNR con le informazioni contenute nel CED e
nelle altre banche dati nazionali, europee ed internazionali
contenenti informazioni utili ai fini di prevenzione e repressione
dei reati di terrorismo e dei reati gravi;
b) trattare i dati PNR sulla base di criteri predeterminati ai
sensi del comma 2.
2. I criteri di cui al comma 1, lettera b), sono individuati
dall'UIP nazionale e periodicamente aggiornati sentite le autorita'
competenti nazionali, nel rispetto dei principi di necessita' e di
proporzionalita', in relazione alle finalita' per le quali il
trattamento e' consentito, nonche' di specificita' e del divieto di
discriminazione basata sull'origine razziale o etnica, sulle opinioni
politiche, sulla religione o sulle convinzioni filosofiche,
sull'appartenenza sindacale, sullo stato di salute, sulla vita
sessuale o sull'orientamento sessuale dell'interessato.
3. L'UIP nazionale effettua le attivita' di analisi con modalita'
non discriminatorie.
4. I riscontri positivi risultanti dal trattamento automatizzato
dei dati PNR, effettuato a norma dell'articolo 6, comma 2, lettera
b), sono sottoposti dall'UIP nazionale a un esame non automatizzato,
condotto sul singolo caso, per verificare la necessita' dell'adozione
di provvedimenti e misure da parte delle autorita' competenti
nazionali, in conformita' alle disposizioni vigenti.
5. I provvedimenti e le misure adottate ai sensi del comma 4 non
pregiudicano il diritto di entrare nel territorio dello Stato delle
persone che godono del diritto di libera circolazione all'interno
dell'Unione europea in conformita' al decreto legislativo 6 febbraio
2007, n. 30, e al regolamento (UE) 2016/399 del Parlamento europeo e
del Consiglio, del 9 marzo 2016.

Art. 9


Trattamento dei dati API

1. I dati API, il cui trattamento e' effettuato nel rispetto dei
principi di necessita' e di proporzionalita', in relazione alle
finalita' per le quali e' consentito, sono resi disponibili,
attraverso il Sistema Informativo, agli Uffici incaricati dei
controlli di polizia di frontiera, per le finalita' di cui
all'articolo 7, immediatamente dopo la chiusura del volo, quando non
e' piu' possibile l'imbarco o lo sbarco di passeggeri.
2. Entro ventiquattro ore dal momento della loro comunicazione agli
Uffici di cui al comma 1, ovvero dopo l'ingresso dei passeggeri nel
territorio dello Stato, i dati API non necessari per la prevenzione
dell'immigrazione irregolare sono resi non visibili ai medesimi
Uffici.
3. Per le finalita' di cui all'articolo 3, comma 2, i dati API,
trascorsi sei mesi dal loro ricevimento, sono resi indisponibili agli
Uffici incaricati dei controlli di polizia di frontiera.

Art. 10


Periodo di conservazione dei dati PNR e pseudonimizzazione

1. I dati PNR trasmessi dai vettori aerei all'UIP nazionale sono
conservati nel Sistema Informativo per un periodo di cinque anni dal
loro trasferimento.
2. Dopo sei mesi dal loro trasferimento, i dati sono
pseudonimizzati mediante mascheramento dei seguenti elementi:
a) i nominativi di tutti i passeggeri figuranti nei dati PNR;
b) il numero dei passeggeri figuranti nei dati PNR;
c) l'indirizzo e le altre informazioni idonee a contattare i
passeggeri;
d) le informazioni sulle modalita' di pagamento, compreso
l'indirizzo di fatturazione, nel caso in cui esso contenga
informazioni idonee ad identificare il passeggero cui si riferiscono
i dati PNR o qualsiasi altra persona;
e) le informazioni sui frequent flyer;
f) le dichiarazioni di carattere generale contenenti informazioni
idonee a consentire l'identificazione del passeggero cui si
riferiscono i dati PNR;
g) i dati API raccolti.
3. Allo scadere del periodo di sei mesi di cui al comma 2, la
comunicazione dei dati PNR integrali e' consentita solo se e'
necessaria per corrispondere a una richiesta formulata ai sensi
dell'articolo 6, comma 2, lettera c), previa autorizzazione:
a) dell'Autorita' giudiziaria, nel caso in cui la richiesta sia
formulata nell'ambito di un procedimento penale o per l'applicazione
di una delle misure di prevenzione di cui al Libro I, Titolo I, Capo
II e Titolo II, Capo I del decreto legislativo 6 settembre 2011, n.
159; o
b) del Vice Capo della Polizia - Direttore Centrale della Polizia
Criminale, per le finalita' di prevenzione dei reati di terrorismo e
dei reati gravi.
4. L'autorizzazione rilasciata ai sensi del comma 3 e' comunicata
al responsabile della protezione dei dati personali di cui
all'articolo 21 per le verifiche di competenza.
5. I dati PNR sono cancellati in via definitiva allo scadere del
periodo di cinque anni di cui al comma 1, secondo le modalita'
stabilite con il decreto del Ministro dell'interno di cui
all'articolo 4, comma 5. L'obbligo di cancellazione non si applica ai
dati PNR trasferiti a una delle autorita' competenti nazionali e
utilizzati nell'ambito di un caso specifico di prevenzione e
repressione dei reati di terrorismo o dei reati gravi. In tali casi i
dati PNR sono conservati nel rispetto delle disposizioni del codice
di procedura penale o di quelle riguardanti i trattamenti per
finalita' di polizia, ovvero di quelle riguardanti i trattamenti
effettuati dagli organismi di cui agli articoli 4, 6 e 7 della legge
3 agosto 2007, n. 124.
6. I risultati del trattamento di cui all'articolo 6, comma 2,
lettera b), sono conservati per il tempo strettamente necessario a
comunicare gli esiti di eventuali riscontri positivi alle autorita'
competenti nazionali ovvero alle UIP di altri Stati membri ai sensi
dell'articolo 13, comma 1. I risultati dei trattamenti automatizzati,
anche in caso di riscontro negativo all'esito di esame non
automatizzato condotto sul singolo caso, sono conservati per un
periodo non superiore a quello previsto dal comma 5, al fine di
assicurare l'esattezza dei futuri riscontri.
7. I dati PNR e i dati API riversati, sulla base delle vigenti
disposizioni, nel CED sono sottoposti alla specifica disciplina
prevista per il medesimo CED.

Art. 11


Conservazione dei dati API

1. Il vettore aereo e' obbligato a cancellare, entro ventiquattro
ore dall'arrivo del volo, i dati API trasmessi.

Capo III

Trasferimento e scambio dei dati PNR e dei risultati del loro
trattamento

Art. 12


Trasferimento dei dati PNR alle autorita' competenti nazionali

1. L'UIP nazionale trasmette i dati PNR o i risultati del loro
trattamento relativi ai passeggeri individuati ai sensi dell'articolo
6, comma 2, lettera b), a seguito dell'esame individuale non
automatizzato, alle autorita' competenti nazionali perche' li
sottopongano a ulteriore trattamento e adottino provvedimenti idonei
a prevenire e reprimere reati di terrorismo o reati gravi. Per le
medesime finalita', le autorita' competenti nazionali possono
chiedere all'UIP nazionale la trasmissione dei dati PNR o dei
risultati del loro trattamento. Tale trasmissione avviene con
strumenti informatici, secondo le modalita' stabilite con il decreto
di cui all'articolo 4, comma 5.
2. Le decisioni delle autorita' competenti nazionali che
determinino conseguenze giuridiche negative per l'interessato non
possono essere adottate esclusivamente sulla base del trattamento
automatizzato dei dati PNR, ne' possono fondarsi sull'origine
razziale o etnica, sulle opinioni politiche, sulla religione o sulle
convinzioni filosofiche, sull'appartenenza sindacale, sullo stato di
salute, sulla vita sessuale o sull'orientamento sessuale
dell'interessato.

Art. 13


Trasferimento dei dati PNR alle UIP degli Stati membri

1. Nel caso di riscontro positivo, l'UIP nazionale trasmette i dati
PNR pertinenti e necessari o i risultati del loro trattamento alle
UIP di altri Stati membri.
2. I dati PNR e i risultati del loro trattamento, se gia'
effettuato, sono trasferiti all'UIP di altro Stato membro sulla base
di una richiesta, riguardante anche solo una parte dei dati PNR,
debitamente motivata in relazione a un caso specifico di prevenzione
e repressione dei reati di terrorismo o dei reati gravi. L'UIP
nazionale comunica le predette informazioni senza ritardo.
3. Nel caso in cui i dati richiesti siano stati pseudonimizzati a
norma dell'articolo 10, comma 2, l'UIP nazionale trasmette all'UIP di
altro Stato membro i dati PNR integrali solo se necessario per
corrispondere a una richiesta formulata ai sensi dell'articolo 6,
comma 2, lettera c), previa autorizzazione delle autorita' di cui
all'articolo 10, comma 3.
4. Nel caso di pericolo imminente e concreto che possa essere
commesso un reato di terrorismo o un altro reato grave, l'UIP di uno
Stato membro puo' chiedere all'UIP nazionale che i dati PNR siano
trasmessi, ai sensi dell'articolo 5, comma 6, anche in un momento
antecedente rispetto a quelli indicati dall'articolo 5, comma 5.

Art. 14


Trasferimento dei dati PNR alle autorita' competenti degli Stati
membri

1. L'UIP nazionale trasmette i dati PNR direttamente alle autorita'
competenti di altri Stati membri che ne abbiano fatto richiesta, nel
rispetto delle previsioni recate dall'articolo 13, commi 2 e 3, in
presenza di situazioni di emergenza che non consentano di inoltrare
la medesima richiesta attraverso l'UIP del proprio Stato.

Art. 15


Trasferimento dei dati PNR da parte di Stati membri

1. L'UIP nazionale puo' chiedere all'UIP di altro Stato membro la
trasmissione dei dati PNR, nonche' dei risultati del loro
trattamento. Tale richiesta, riguardante anche solo una parte dei
dati PNR, deve essere debitamente motivata in relazione a un caso
specifico di prevenzione e repressione dei reati di terrorismo o dei
reati gravi. L'UIP nazionale trasmette le informazioni ricevute alle
autorita' competenti nazionali, ai sensi dell'articolo 12, comma 1.
2. Nel caso di pericolo imminente e concreto che possa essere
commesso un reato di terrorismo o altro reato grave, l'UIP nazionale
puo' chiedere all'UIP di altro Stato membro che i dati PNR siano
trasmessi, ai sensi dell'articolo 5, comma 6, anche in un momento
antecedente a quelli indicati dall'articolo 5, comma 5.

Art. 16


Richiesta dei dati PNR da parte delle autorita' competenti nazionali

1. Le autorita' competenti nazionali inoltrano le richieste di dati
PNR alle UIP degli altri Stati membri tramite l'UIP nazionale.
2. In situazioni di emergenza che non consentano di inoltrare la
richiesta attraverso l'UIP nazionale, le autorita' competenti
nazionali possono richiedere direttamente all'UIP di altro Stato
membro la trasmissione dei dati PNR, nel rispetto delle previsioni
recate dall'articolo 13, comma 2. Copia della richiesta e' inoltrata
tempestivamente all'UIP nazionale.

Art. 17


Modalita' di scambio delle informazioni

1. Lo scambio di informazioni ai sensi degli articoli 13, 14, 15 e
16 puo' avvenire tramite qualsiasi canale esistente di cooperazione
internazionale di polizia. La lingua utilizzata per la richiesta e lo
scambio di informazioni e' quella applicabile al canale utilizzato.
2. In casi di emergenza, il punto di contatto nazionale e' l'UIP
nazionale.

Art. 18


Trasferimento dei dati PNR a Europol

1. Europol puo' richiedere, entro i limiti delle proprie competenze
e per l'adempimento dei propri compiti, i dati PNR o i risultati del
loro trattamento all'UIP nazionale quando strettamente necessario per
sostenere e rafforzare l'azione degli Stati membri volta alla
prevenzione e alla repressione di uno specifico reato di terrorismo o
altro reato grave, a condizione che si tratti di un reato di propria
competenza ai sensi del regolamento (UE) 2016/794 del Parlamento
europeo e del Consiglio dell'11 maggio 2016.
2. La richiesta e' formulata attraverso sistemi informatici,
utilizzando l'applicazione SIENA, per il tramite dell'Unita'
Nazionale Europol e deve contenere i motivi per i quali Europol
ritiene necessaria la trasmissione dei dati PNR o dei risultati del
loro trattamento ai fini di prevenzione e repressione dei reati di
terrorismo o dei reati gravi di propria competenza.
3. L'UIP nazionale trasmette le informazioni ai sensi del presente
articolo attraverso l'applicazione SIENA secondo le disposizioni di
cui al regolamento (UE) 2016/794 del Parlamento europeo e del
Consiglio, dell'11 maggio 2016. La lingua utilizzata per la richiesta
e lo scambio di informazioni e' quella applicabile a SIENA.

Art. 19


Trasferimento dei dati PNR a Paesi terzi

1. Fatte salve le condizioni previste da eventuali accordi
internazionali, i dati PNR e i risultati del loro trattamento possono
essere trasferiti alle autorita' competenti di un Paese terzo in
relazione a casi individuali, soltanto in conformita' alle previsioni
del presente decreto e alle disposizioni del decreto legislativo di
attuazione della direttiva (UE) 2016/680, concernenti il
trasferimento verso Paesi terzi di dati giudiziari o trattati per
finalita' di polizia e qualora ricorrano le seguenti condizioni:
a) la richiesta sia formulata nel rispetto delle previsioni
recate dall'articolo 13, commi 2 e 3;
b) il trasferimento sia necessario per le finalita' di cui
all'articolo 3, comma 1;
c) il Paese terzo si impegni a trattare i dati con le garanzie
previste dal presente decreto e a ritrasferire i dati a altro Paese
terzo soltanto per le finalita' di cui all'articolo 3, comma 1, e
previa autorizzazione espressa dello Stato italiano.
2. Fermo restando quanto previsto al comma 1, i dati PNR possono
essere trasferiti senza il previo consenso dello Stato membro dal
quale sono stati ottenuti nel caso in cui ricorrano contestualmente
le seguenti condizioni:
a) il trasferimento sia indispensabile per rispondere a una
minaccia specifica e reale connessa a reati di terrorismo o a reati
gravi in uno Stato membro o in un Paese terzo;
b) il consenso preliminare non possa essere ottenuto in tempo
utile.
4. Il trasferimento dei dati senza il preventivo consenso e'
comunicato all'UIP dello Stato che ha trasmesso il dato. Il
trasferimento e' annotato in apposito registro per le verifiche da
parte del responsabile della protezione dei dati.

Capo IV

Disposizioni in materia di protezione dei dati personali

Art. 20


Autorita' nazionale di controllo

1. L'Autorita' nazionale di controllo e' il Garante per la
protezione dei dati personali, che esercita il controllo sul
trattamento dei dati personali effettuato in applicazione del
presente decreto, con le modalita' previste dal Codice in materia di
protezione dei dati personali e dal regolamento generale sulla
protezione dei dati.
2. La medesima autorita', su richiesta dell'interessato, esprime
pareri in merito all'esercizio dei diritti di protezione dei dati
personali derivanti dalle disposizioni del presente decreto.

Art. 21


Responsabile della protezione dei dati

1. Il responsabile della protezione dei dati e' nominato con
decreto del Capo della Polizia - Direttore Generale della Pubblica
Sicurezza, nell'ambito della Direzione Centrale della Polizia
Criminale e adempie alle proprie funzioni in modo indipendente.
2. Il responsabile della protezione dei dati e' incaricato di
vigilare sul corretto trattamento dei dati PNR e garantisce
l'attuazione di tutte le misure tecniche e di sicurezza, nel rispetto
di quanto disposto dal decreto legislativo di attuazione della
direttiva (UE) 2016/680.
3. Il responsabile della protezione dei dati e' il punto di
contatto unico per gli interessati, in merito a tutte le questioni
connesse al trattamento dei dati PNR che li riguardano.
4. Il responsabile della protezione dei dati ha accesso ai dati
trattati dall'UIP nazionale e segnala al Garante per la protezione
dei dati personali i casi in cui il trattamento dei dati non sia
stato effettuato lecitamente.

Art. 22


Protezione dei dati personali

1. In relazione al trattamento dei dati personali effettuato per le
finalita' di cui all'articolo 3 si applicano le disposizioni di cui
al decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE) 2016/680,
nonche', limitatamente ai trattamenti effettuati dagli organismi di
cui agli articoli 4, 6 e 7 della legge 3 agosto 2007, n. 124, quelle
del Codice per la protezione dei dati personali di cui alla Parte II,
Titolo III.
2. Al trattamento di dati personali da parte dei vettori aerei si
applicano le disposizioni del regolamento generale sulla protezione
dei dati, nonche' quelle del Codice per la protezione dei dati
personali, anche per quanto concerne l'obbligo di informare
adeguatamente i passeggeri e di adottare adeguate misure tecniche e
organizzative a tutela della sicurezza e della riservatezza dei dati
personali.
3. E' vietato il trattamento dei dati PNR idoneo a rivelare
l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, la religione o le
convinzioni filosofiche, l'appartenenza sindacale, lo stato di
salute, la vita o l'orientamento sessuale dell'interessato.
4. L'UIP nazionale cancella immediatamente i dati PNR trattati con
modalita' tali da rivelare le informazioni di cui al comma
precedente.
5. L'UIP nazionale adotta adeguate misure e procedure tecniche e
organizzative per garantire un livello elevato di sicurezza in
relazione ai rischi connessi al trattamento dei dati PNR anche nelle
ipotesi di cui all'articolo 5, commi 2 e 3. L'UIP nazionale conserva
la documentazione relativa ai sistemi e alle procedure di
trattamento. La predetta documentazione riporta l'indicazione dei
seguenti dati:
a) l'organizzazione dell'UIP nazionale e gli indirizzi utili a
contattare le sue articolazioni interne;
b) i nominativi e gli indirizzi del personale dell'UIP nazionale
incaricato del trattamento dei dati PNR;
c) il registro dei livelli di autorizzazione all'accesso di cui
e' titolare il personale dell'UIP nazionale;
d) le richieste formulate dalle autorita' competenti nazionali;
e) le richieste formulate dalle UIP e dalle autorita' competenti
di altri Stati membri;
f) le richieste formulate da Paesi terzi e i trasferimenti di
dati effettuati.
6. L'UIP nazionale conserva, altresi', per un periodo di cinque
anni, i registri delle attivita' di raccolta, consultazione,
comunicazione e cancellazione dei dati, adottando misure di sicurezza
tali da evitare il rischio di distruzione o perdita, anche
accidentale, degli stessi, nonche' di accesso non autorizzato ovvero
di trattamento non consentito o non conforme alle finalita' previste.
Detti registri, anche in relazione alle esigenze di tracciamento e
monitoraggio delle consultazioni, riportano l'indicazione della
finalita', della data e dell'ora dell'operazione e gli elementi
relativi all'identita' della persona che ha consultato o comunicato i
dati PNR, nonche' dei destinatari di tali dati. I registri sono usati
esclusivamente a fini di verifica, di autocontrollo, per garantire
l'integrita' e la sicurezza dei dati o di audit.
7. La documentazione di cui al comma 5 e i registri di cui al comma
6 sono messi a disposizione del Garante per la protezione dei dati
personali, a seguito di richiesta.
8. In caso di violazione di dati personali, l'UIP nazionale ne da'
comunicazione senza ritardo al Garante per la protezione dei dati
personali. Quando tale violazione rischia di arrecare un rilevante
pregiudizio ai dati personali o alla riservatezza dell'interessato,
l'UIP nazionale comunica senza indebito ritardo all'interessato e al
Garante per la protezione dei dati personali l'avvenuta violazione.

Art. 23


Diritti dell'interessato

1. In relazione ai trattamenti di dati personali effettuati in
applicazione del presente decreto, sono riconosciuti all'interessato
i diritti di cui all'articolo 10, commi 3, 4 e 5, della legge n. 121
del 1981. Tali diritti sono esercitati con istanza rivolta alla
Direzione Centrale della Polizia Criminale, con la quale
l'interessato puo' domandare, altresi', che sia data evidenza
dell'esercizio dei diritti di cui al presente articolo nel Sistema
Informativo.
2. La Direzione Centrale della Polizia Criminale comunica
all'interessato i provvedimenti adottati a seguito delle richieste
formulate ai sensi del comma 1.
3. Il responsabile della protezione dei dati, l'UIP nazionale e
l'UIP dello Stato membro eventualmente interessato sono informati
della presentazione dell'istanza di cui al comma 1.
4. L'indicazione di cui al comma 1, secondo periodo, puo' essere
rimossa a richiesta dell'interessato o su provvedimento del Garante
per la protezione dei dati personali o dell'Autorita' giudiziaria,
adottato ai sensi del Codice per la protezione dei dati personali.

Capo V

Disposizioni sanzionatorie e finali

Art. 24


Sanzioni

1. Salvo che il fatto costituisca reato, il vettore che non
trasmette i dati, ovvero li trasmette in modo difforme da quanto
previsto dall'articolo 5, e' punito con la sanzione amministrativa
pecuniaria da 5.000 euro a 100.000 euro per ogni viaggio a cui si
riferisce la condotta. La medesima sanzione amministrativa pecuniaria
si applica in caso di trasmissione di dati incompleti o errati. La
sanzione di cui al primo periodo si applica, altresi', al vettore
aereo che non adempia entro il termine fissato alle prescrizioni
dell'UIP nazionale, adottate per garantire il trasferimento dei dati
PNR al Sistema Informativo.
2. L'autorita' competente a irrogare le sanzioni di cui al comma 1
e' l'ENAC, cui e' trasmesso il rapporto previsto dall'articolo 17
della legge 24 novembre 1981, n. 689.
3. Nei casi in cui le violazioni di cui al comma 1 siano commesse
con la condizione della reiterazione di cui all'articolo 8-bis della
legge n. 689 del 1981, l'ENAC puo' disporre la sospensione da uno a
dodici mesi, ovvero la revoca della licenza, autorizzazione o
concessione rilasciata dall'autorita' amministrativa italiana,
inerente all'attivita' professionale svolta e al mezzo di trasporto
utilizzato.
4. La violazione dell'obbligo di cancellazione dei dati API
previsto dall'articolo 11 e' punito con la sanzione amministrativa
pecuniaria da 5.000 euro a 50.000 euro. L'autorita' competente a
irrogare la sanzione e' il Garante per la protezione dei dati
personali, ai sensi dell'articolo 166 del Codice per la protezione
dei dati personali.
5. Resta ferma l'applicazione dell'articolo 12, comma 6, del testo
unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione
e norme sulla condizione dello straniero, di cui al decreto
legislativo 25 luglio 1998, n. 286.

Art. 25


Statistiche

1. Il Ministero dell'interno comunica, annualmente, alla
Commissione europea elaborazioni statistiche concernenti i dati PNR
trasmessi all'UIP nazionale. Tali elaborazioni non contengono dati
personali e comprendono:
a) il numero totale di passeggeri i cui dati PNR sono stati
raccolti e scambiati;
b) il numero di passeggeri individuati a fini di ulteriori
verifiche ai sensi dell'articolo 6, comma 2, lettera b).

Art. 26


Disposizioni transitorie e finali

1. Il decreto legislativo 2 agosto 2007, n. 144, e' abrogato. Le
disposizioni del predetto decreto continuano ad applicarsi sino al
quindicesimo giorno successivo alla data di pubblicazione nella
Gazzetta Ufficiale del decreto del Ministro dell'interno di cui
all'articolo 4, comma 5, e comunque non oltre sei mesi dalla data di
entrata in vigore del presente decreto.
2. Il decreto del Ministro dell'interno 16 dicembre 2010,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 28 dicembre 2010, n. 302, cessa
di avere efficacia a decorrere dal quindicesimo giorno successivo
alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto del
Ministro dell'interno di cui all'articolo 4, comma 5, e comunque non
oltre sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto.
Dalla medesima data il Border Control System Italia (BCS) cessa la
propria operativita' e i riferimenti allo stesso, ovunque presenti,
si intendono sostituiti dai riferimenti al Sistema Informativo di cui
all'articolo 4.
3. Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza provvede ad effettuare
il monitoraggio della congruita' delle risorse finanziarie destinate
alla realizzazione del Sistema Informativo nonche', a partire
dall'esercizio finanziario 2019, di quelle destinate al funzionamento
dello stesso.

Art. 27


Clausola di neutralita' finanziaria

1. Dall'attuazione delle disposizioni del presente decreto non
devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. Le
Amministrazioni interessate provvedono ai conseguenti adempimenti con
le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a
legislazione vigente.
Il presente decreto, munito del sigillo di Stato, sara' inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato a Roma, addi' 21 maggio 2018

MATTARELLA


Gentiloni Silveri, Presidente del
Consiglio dei ministri

Minniti, Ministro dell'interno

Orlando, Ministro della giustizia

#diecibuonimotivi
Convenzioni SILP
SILP Telegram
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.