DL SALVINI. SILP: MANCANO RISORSE PER ORGANICO POLIZIA/VD
"ASSUNZIONI STRAORDINARIE O IMPEGNI NON SARANNO SOSTENIBILI"

(DIRE) Milano, 25 set. - Nel decreto legge sulla sicurezza "non riusciamo a rinvenire quegli stanziamenti che sarebbero necessari a recuperare un organico che oggi si e' assottigliato ancora di piu'". Cosi' Daniele Tissone, segretario generale nazionale del SILP-Cgil interpellato oggi a Milano, a margine dell'assemblea regionale dei quadri del SILP-Cgil in vista del quinto congresso del sindacato italiano della Polizia. "Nel 2008 eravamo 108.000 unita', il Dl Madia ne prevedeva 106.000 e una vecchia legge sugli organici nel novembre dell'89 ne prevedeva 118.000- continua Tissone- oggi siamo a 98.000. Se il Governo non immettera' nuovo personale con delle assunzioni straordinarie, sicuramente non si riuscira' a far fronte agli impegni che quotidianamente hanno le forze di Polizia".
(Mor/ Dire) 14:04 25-09-18 NNNN

 

SICUREZZA. SILP: MARCA TASER NEL DL, CI TOCCA PISTOLA VECCHIA/VD
"SE EFFETTI, GRAVI AGENTE PUÒ INCORRERE IN RESPONSABILITÀ PENALI"

(DIRE) Milano, 25 set. - "Il taser e' una marca della prima pistola elettrica brevettata negli Stati Uniti: purtroppo il decreto che ha ne previsto la sperimentazione e l'utilizzo nel nostro Paese fa riferimento alla marca e non alla pistola elettrica, quindi siamo costretti a mettere in campo una pistola che, come concezione da un punto di vista tecnologico, forse non e' tra le piu' moderne". Cosi' Daniele Tissone, segretario nazionale del SILP-Cgil, interpellato oggi a Milano, a margine dell'assemblea regionale dei quadri del SILP. In merito al decreto Salvini, che include l'utilizzo dei taser, Tissone osserva che "la pistola elettrica e' un'arma propria nel nostro ordinamento e quindi ha una sua pericolosita', mancando peraltro degli studi empirici approfonditi. Non ci e' dato sapere, infatti, se e' confermato quanto viene asserito da alcune agenzie governative, secondo le quali sussiste il pericolo di acidosi nel sangue quando questi dardi vengono scoccati, e se sarebbero a rischio i soggetti cardiopatici, i tossicodipendenti, le persone in grave agitazione psico-fisica e le donne incinte". Considerando che la tensione prodotta dalle pistole elettriche e' di "circa 50.000 volt", Tissone rileva che "non sappiamo neppure i rischi che comporta perche' il ministero della Salute non e' stato interpellato", cosi' come "non dato sapere quando potremo utilizzare quest'arma", che certamente e' difensiva per il poliziotto, ma l'agente al momento non ha garanzie, che, a fronte di effetti gravi o mortali nei soggetti colpiti, non debba poi incorrere in responsabilita' giuridiche. Tissone evidenzia che "nei paesi occidentali dove questa sperimentazione e' stata avviata, la legislazione e' stata modificata, mentre, nel nostro caso, si ricorda semplicemente quali sono i limiti che non deve travalicare l'operatore che riguardano anche le varie sanzioni penali a suo carico".
(Mor/ Dire) 15:00 25-09-18 NNNN

 

 

#diecibuonimotivi
Convenzioni SILP
SILP Telegram
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.