LUNEDÌ 01 OTTOBRE 2018 16.30.24
POLIZIASICUREZZA

##Sicurezza a Napoli, videosorveglianza dagli annunci al flop

##Sicurezza a Napoli, videosorveglianza dagli annunci al flop Solo alla Sanità passi avanti, su 750 telecamere ok meno metà Roma, 1 ott. (askanews) - Dagli annunci al quasi flop. Il sistema della videosorveglianza a Napoli, una città con croniche emergenza sul piano della sicurezza, non è mai diventato un sistema funzionante e affidabile 365 giorni all'anno. E' l'occhio sulla sicurezza che non si è mai aperto del tutto: su 750 telecamere e dispositivi per la videosorveglianza installate in maniera tra l'altro disomogenea sul territorio di Napoli meno del 50 per cento sono funzionanti. Le telecamere sono poche e mal distribuite. Non ci sono telecamere in quartieri caldi della città. Zone di spaccio come Secondigliano e i quartieri spagnoli. Osì come anche a Forcella. E nelle zone del centro note per le 'stese' delle bande giovanili l'unica eccezione - afferma il Silp-Cgil - è la Sanità dove sono operative una cinquantina di dispositivi e questo grazie soprattutto ai fondi stanziati dalla regione Campania. E per il resto? Sono al 'buio' quartieri come il Vasto. A a Nord del capoluogo interi quartieri come Fuorigrotta e Bagnoli. Viceversa Poggioreale, S. Giovanni e Ponticelle sono coperte al 30%. Non solo - sottolinea il sindaco di polizia - la presenza della videosorvegliaza è disomogenea a seconda delle zone e spesso questi apparati si rompono e restano spenti per mesi. Questo non aiuta le forze dell'ordine che ogni giorno devono garantire la sicurezza nel capoluogo campano. A Napoli operano circa 4.500 poliziotti (comprese le specialità). Un organico sottodiemnsionato e stimato in almeno 600 unità - fa presenete il Sipl- Cgil. A Napoli, città dove malavita organizzata, micro criminalità sono fenomeni endemici e diffusi. Il controllo del terriotorio è sempre in affanno. Nelle fasce notturne il numero delle volanti è ridotto ormai all'osso: sei-sette quelle che garantisce la questura di notte. Alle quali si dovrebbero aggiungere le auto dei commissariati. Sono pochi però quelli che possono garantirle ogni notte - sottolinea il Silp-Cgil - perchè i commissariati hanno risentito di più dei tagli di risorse avvenuti negli anni passati. Come è avvenuto per i suoi predecessori - quelli più vicini nel tempo sono Alfano e Minniti - anche il ministro dell'Interno, Matteo Salvini nell'agenda del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza in programma domani in prefettura, troverà problemi cronici e irrisolti da anni sul fronte della sicurezza a Napoli. Carenze e inefficienze antiche rimaste tali nonostante gli annunci e i buoni propositi di chi lo ha preceduto. Nes 20181001T163012Z
LUNEDÌ 01 OTTOBRE 2018 16.42.41
POLIZIASICUREZZA

##Sicurezza a Napoli, videosorveglianza dagli annunci al flop-rpt

##Sicurezza a Napoli, videosorveglianza dagli annunci al flop-rpt Solo alla Sanità passi avanti, su 750 telecamere ok meno metà Roma, 1 ott. (askanews) - Dagli annunci al quasi flop. Il sistema della videosorveglianza a Napoli, una città con croniche emergenza sul piano della sicurezza, non è mai diventato un sistema funzionante e affidabile 365 giorni all'anno. E' l'occhio sulla sicurezza che non si è mai aperto del tutto: su 750 telecamere e dispositivi per la videosorveglianza installate in maniera tra l'altro disomogenea sul territorio di Napoli meno del 50 per cento sono funzionanti. Le telecamere sono poche e mal distribuite. Non ci sono telecamere in quartieri caldi della città. Zone di spaccio come Secondigliano e i quartieri spagnoli. Così come anche a Forcella. E nelle zone del centro note per le 'stese' delle bande giovanili l'unica eccezione - afferma il Silp-Cgil - è la Sanità dove sono operative una cinquantina di dispositivi e questo grazie soprattutto ai fondi stanziati dalla regione Campania. E per il resto? Sono al 'buio' quartieri come il Vasto. A a Nord del capoluogo interi quartieri come Fuorigrotta e Bagnoli. Viceversa Poggioreale, S. Giovanni e Ponticelle sono coperte al 30%. Non solo - sottolinea il sindacato di polizia - la presenza della videosorveglianza è disomogenea a seconda delle zone ma spesso questi apparati si rompono e restano spenti per mesi. Questo non aiuta le forze dell'ordine che ogni giorno devono garantire la sicurezza nel capoluogo campano. A Napoli operano circa 4.500 poliziotti (comprese le specialità). Un organico sottodimensionato e stimato in almeno 600 unità - fa presente il Silp- Cgil. A Napoli, città dove malavita organizzata, micro criminalità sono fenomeni endemici e diffusi. Il controllo del territorio è sempre in affanno. Nelle fasce notturne il numero delle volanti è ridotto ormai all'osso: sei-sette quelle che garantisce la questura di notte. Alle quali si dovrebbero aggiungere le auto dei commissariati. Sono pochi però quelli che possono garantirle ogni notte - sottolinea il Silp-Cgil - perchè i commissariati hanno risentito di più dei tagli di risorse avvenuti negli anni passati. Come è avvenuto per i suoi predecessori - quelli più vicini nel tempo sono Alfano e Minniti - anche il ministro dell'Interno, Matteo Salvini nell'agenda del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza in programma domani in prefettura, troverà problemi cronici e irrisolti da anni sul fronte della sicurezza a Napoli. Carenze e inefficienze antiche rimaste tali nonostante gli annunci e i buoni propositi di chi lo ha preceduto. Nes Nes 20181001T164230Z

#diecibuonimotivi
Convenzioni SILP
SILP Telegram
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.