"..Armi spuntate per il fronte dell'antimafia Respinta dalla prefettura a otto detective della Dia la domanda per il rinnovo del porto di pistola per difesa personale. Il paradosso, spiegano, è semplice, anche se tagliato con l'accetta. «Devono spiegarci perché, nel momento in cui si mette la pistola in mano al cittadino, con le nuove norme sulla difesa personale, disarmano di fatto noi che siamo esposti a rischi concreti». .."

 

 

".. La Dia, infatti, non ha un'armeria per custodire le pistole dei suoi operatori. Sono in ventotto, a Milano, a difendersi dai pericoli e dagli effetti collaterali della lotta alla mafia col proprio revolver. Rischiano di restare senza e in piazza Cordusio c'è aria di maretta. Una nota di protesta al Vi minale per il caso Milano, unico in Italia (gli investigatori della Dia che risiedono in provincia di Varese, per paradosso, hanno ottenuto il rinnovo senza problemi) è partita dal Silp Cgil, "dopo annidi assoluto supporto". «E dopo un 25 aprile in cui il ministro Salvini — sottolinea, il segretario nazionale Maurizio Cesaretti — è andato a Corleone a dare vicinanza a chi combatte la mafia. E allora vorremmo capire quali norme sono cambiate, o perché succede solo a Milano». .."

 

 

 

V Congresso Nazionale Silp CGIL
Convenzioni SILP
SILP Telegram
#diecibuonimotivi
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.