La posizione del Silp Cgil in evidenza sulle principali agenzie stampa nazionali, sui grandi quotidiani e su altri media.

Migrante investito e ucciso: Silp Cgil, tragedia evitabile (ANSA) - ROMA, 04 SET - "Una tragedia evitabile. E' morto un migrante, poteva morire un poliziotto. E' inaccettabile che possa perdere la vita cosi' qualsiasi persona. I temi dell'immigrazione, come sosteniamo da tempo, non possono essere trattati come emergenziali e soprattutto non come questioni di ordine pubblico". Lo sostiene Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil. "La politica deve avere la forza - dice Tissone - di dare risposte certe ai cittadini, ai poliziotti e a chi arriva nel nostro paese: bisogna coniugare sicurezza e accoglienza, non c'e' altra via. Per farlo pero' servono regole chiare e protocolli operativi concreti che, ad esempio, consentano alle lavoratrici e ai lavoratori in divisa di sapere se i migranti con cui sono in contatto abbiano contratto il Covid-19". "Non possiamo mettere a rischio la vita delle persone - conclude il sindacalista - e dobbiamo garantire condizioni di lavoro adeguate e sicure per gli operatori. Lo chiediamo e lo ribadiamo con forza anche per non alimentare quel corto circuito di paura tra la gente che alimenta odio e razzismo". (ANSA). COM-NE 04-SET-20 12:45 NNNN

 MIGRANTI: SILP CGIL, 'AD AGRIGENTO TRAGEDIA EVITABILE, INACCETTABILE CHE SI MUOIA COSI'' = Roma, 4 set. (Adnkronos) - "Una tragedia evitabile. E morto un migrante, poteva morire un poliziotto. E inaccettabile che possa perdere la vita così qualsiasi persona. I temi dell'immigrazione, come sosteniamo da tempo, non possono essere trattati come emergenziali e soprattutto non come questioni di ordine pubblico". Lo sostiene Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia SILP Cgil. "La politica deve avere la forza - dice Tissone - di dare risposte certe ai cittadini, ai poliziotti e a chi arriva nel nostro paese: bisogna coniugare sicurezza e accoglienza, non c'è altra via. Per farlo però servono regole chiare e protocolli operativi concreti che, ad esempio, consentano alle lavoratrici e ai lavoratori in divisa di sapere se i migranti con cui sono in contatto abbiano contratto il Covid-19". "Non possiamo mettere a rischio la vita delle persone - conclude il sindacalista - e dobbiamo garantire condizioni di lavoro adeguate e sicure per gli operatori. Lo chiediamo e lo ribadiamo con forza anche per non alimentare quel corto circuito di paura tra la gente che alimenta odio e razzismo". (Sod/Adnkronos) ISSN 2465 - 1222 04-SET-20 12:48 NNNN VENERDÌ 04 SETTEMBRE 2020 12.29.42

Migrante investito e ucciso, Silp Cgil: tragedia evitabile Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Roma, 4 set. (askanews) - "Una tragedia evitabile. E' morto un migrante, poteva morire un poliziotto. E' inaccettabile che possa perdere la vita così qualsiasi persona. I temi dell'immigrazione, come sosteniamo da tempo, non possono essere trattati come emergenziali e soprattutto non come questioni di ordine pubblico". Lo sostiene Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil. "La politica deve avere la forza - dice Tissone - di dare risposte certe ai cittadini, ai poliziotti e a chi arriva nel nostro paese: bisogna coniugare sicurezza e accoglienza, non c'è altra via. Per farlo però servono regole chiare e protocolli operativi concreti che, ad esempio, consentano alle lavoratrici e ai lavoratori in divisa di sapere se i migranti con cui sono in contatto abbiano contratto il Covid-19". "Non possiamo mettere a rischio la vita delle persone - continua il sindacalista - e dobbiamo garantire condizioni di lavoro adeguate e sicure per gli operatori. Lo chiediamo e lo ribadiamo con forza anche per non alimentare quel corto circuito di paura tra la gente che alimenta odio e razzismo". Red/Nav 20200904T122939Z

IL MATTINO

IL MESSAGGERO

SKY TG 24

YAHOO.com

LA REPUBBLICA

ASKANEWS

 

Speciale 20 anni SILP CGIL
Convenzioni SILP
SILP Telegram
V Congresso Nazionale Silp CGIL
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.