Violenza donne: Silp Cgil, stop a modelli discriminatori
(ANSA) - ROMA, 24 NOV - "Le rappresentazioni stereotipate di uomini e donne sono un problema culturale e non solo. Oggi più che mai questi modelli discriminatori e prodromici alla violenza di genere sono inaccettabili". E' quanto afferma il Silp Cgil aderendo alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne sottolineando che alla data del 20 novembre ci sono stati "58 omicidi in ambito familiare-affettivo relativi ai giorni del lockdown, che si aggiungono ai 60 femminicidi già avvenuti negli altri 279 giorni di questo anno per un totale, da gennaio, di 104 omicidi di donne". Numeri che, aggiunge il sindacato, "parlano da soli e che vanno di pari passo all'acuirsi della violenza domestica nei mesi più duri del contenimento sociale". Anche per questi motivi il Silp Cgil sottolinea la necessità che "tutte le poliziotte e i poliziotti fruiscano di attività formative di merito e specifiche sul tema degli stereotipi, la loro decostruzione e il linguaggio di genere". Uomini e donne della Polizia "che si interfacciano a situazioni di violenza - conclude il sindacato - hanno bisogno di decomprimere l'impatto emotivo che tali attività recano. Sono necessari spazi sicuri di rielaborazione delle criticità quale strumento di prevenzione di ogni forma di disagio a tutela delle poliziotte e dei poliziotti, ma anche delle stesse vittime di violenza che avranno a disposizione professionisti altamente qualificati e consapevoli". (ANSA).

VIOLENZA SU DONNE: SILP CGIL, 'AL 20 NOVEMBRE 104 VITTIME, FORMARE AGENTI SU STEREOTIPI DI GENERE' =
Roma, 24 nov. (Adnkronos) - Anche il sindacato di polizia SILP Cgil rivendica "il diritto di essere donna contro qualsiasi violenza e contro chi vuole rinchiudere le esistenze in contenitori stereotipati". Lo afferma, in una nota, la Segreteria Nazionale SILP Cgil in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. "Alla data del 20 novembre - si legge nel comunicato - sono stati 58 gli omicidi in ambito familiare-affettivo relativi ai giorni del lockdown che si aggiungono ai 60 femminicidi già avvenuti negli altri 279 giorni di questo anno per un totale, da gennaio, di 104 omicidi di donne. Numeri che parlano da soli e che vanno di pari passo all'acuirsi della violenza domestica nei mesi più duri del contenimento sociale". "Le rappresentazioni stereotipate di uomini e donne - dice il SILP Cgil - sono un problema culturale e non solo. Oggi più che mai questi modelli discriminatori e prodromici alla violenza di genere sono inaccettabili" "Per questo il SILP Cgil - prosegue la nota - ritiene preminente che tutte le poliziotte e i poliziotti fruiscano di attività formative di merito e specifiche sul tema degli stereotipi, la loro decostruzione e il linguaggio di genere. Le operatrici e gli operatori della Polizia di Stato che si interfacciano a situazioni di violenza hanno bisogno di decomprimere l'impatto emotivo che tali attività recano. Sono necessari - conclude il sindacato - spazi sicuri di rielaborazione delle criticità quale strumento di prevenzione di ogni forma di disagio a tutela delle poliziotte e dei poliziotti, ma anche delle stesse vittime di violenza che avranno a disposizione professionisti altamente qualificati e consapevoli". (Sod/Adnkronos) ISSN 2465 - 1222 24-NOV-20 12:01 NNNN

VIOLENZA DONNE. SILP CGIL: FORMAZIONE E SPAZI DI RIELABORAZIONE PER AGENTI
(DIRE) Roma, 24 nov. - Anche il sindacato di polizia Silp Cgil rivendica "il diritto di essere donna contro qualsiasi violenza e contro chi vuole rinchiudere le esistenze in contenitori stereotipati". Lo afferma, in una nota, la Segreteria Nazionale Silp Cgil in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. "Alla data del 20 novembre- si legge nel comunicato- sono stati 58 gli omicidi in ambito familiare-affettivo relativi ai giorni del lockdown che si aggiungono ai 60 femminicidi gia' avvenuti negli altri 279 giorni di questo anno per un totale, da gennaio, di 104 omicidi di donne. Numeri che parlano da soli e che vanno di pari passo all'acuirsi della violenza domestica nei mesi piu' duri del contenimento sociale". "Le rappresentazioni stereotipate di uomini e donne- dice il Silp Cgil- sono un problema culturale e non solo. Oggi piu' che mai questi modelli discriminatori e prodromici alla violenza di genere sono inaccettabili. Per questo il Silp Cgil ritiene preminente che tutte le poliziotte e i poliziotti fruiscano di attivita' formative di merito e specifiche sul tema degli stereotipi, la loro decostruzione e il linguaggio di genere. Le operatrici e gli operatori della polizia di Stato che si interfacciano a situazioni di violenza hanno bisogno di decomprimere l'impatto emotivo che tali attivita' recano. Sono necessari- conclude il sindacato- spazi sicuri di rielaborazione delle criticita' quale strumento di prevenzione di ogni forma di disagio a tutela delle poliziotte e dei poliziotti, ma anche delle stesse vittime di violenza che avranno a disposizione professionisti altamente qualificati e consapevoli". (Com/Ago/ Dire) 09:31 24-11-20 NNNN

 

HUFFINGTON POST

Speciale 20 anni SILP CGIL
Convenzioni SILP
SILP Telegram
V Congresso Nazionale Silp CGIL
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.