Covid: Silp-Cgil, rischio aumento reati usura e riciclaggio ROMA
(ANSA) - ROMA, 30 GIU - "Esiste un rischio concreto di incremento di specifiche tipologie di reati quali usura e riciclaggio, con sempre più cospicui tentativi e casi di infiltrazione delle mafie nelle attività lecite, con una particolare attrattività per la criminalità dei fondi del Pnrr". E' quanto ha affermato il segretario del Silp Cgil Daniele Tissone, aprendo a Roma il convegno organizzato dal sindacato di polizia e dedicato agli aspetti sociali della pandemia. "A più di un anno dall'inizio dell'emergenza sono centinaia i fascicoli d'indagine aperti nelle varie procure d'Italia" ha detto Tissone ricordando le inchieste di Bergamo e quelle sui morti nelle Rsa milanesi, il l 'caso camici' in Lombardia e le centinaia aperte sulle mascherine taroccate e sottolineando come durante l'emergenza siano aumentati i reati connessi alle violenze di genere. Il segretario del Silp si è anche soffermato sull'impatto che il Covid ha avuto sulla Polizia, con 10.779 casi di positività riscontrati tra i poliziotti e 16 sono deceduti. (ANSA).

COVID: TISSONE (SILP CGIL),'RISCHIO AUMENTO TENTATIVI INFILTRAZIONE, ANCHE PER FONDI PNRR' =
Roma, 30 giu. (Adnkronos) - "Esiste un rischio concreto di incremento di specifiche tipologie di reati quali usura e riciclaggio con sempre più cospicui tentativi e casi di infiltrazione delle mafie nelle attività lecite, con una particolare attrattività per la criminalità dei fondi del Pnrr". Lo ha affermato stamani Daniele Tissone, segretario generale del SILP Cgil, aprendo a Roma il convegno online, organizzato dal sindacato di polizia, dal titolo 'Gli aspetti sociali della pandemia' al quale hanno preso parte la sociologa Anna De Santi, lo psicoterapeuta Francisco Mele, il magistrato Giuseppe Battarino e la segretaria confederale Cgil Rossana Dettori. "A più di un anno dall'inizio dell'emergenza Covid - ha detto Tissone - sono centinaia i fascicoli d'indagine aperti nelle varie procure d'Italia, al nord soprattutto. Dall'inchiesta dei magistrati di Bergamo ormai a tutto campo, alle indagini milanesi sulle centinaia di morti nelle Rsa), dal caso 'camici' in Lombardia fino alle innumerevoli inchieste sulle mascherine taroccate, a cominciare da quella della procura di Gorizia. La gran parte di queste indagini non sono ancora state chiuse". Il segretario generale del SILP, che si è anche soffermato sull'indice di delittuosità dei reati in tempo di pandemia e sulle violenze di genere in aumento, ha ricordato che alla data del 23 giugno scorso sono stati 10.779 i casi di positività tra i poliziotti, che 16 sono deceduti e che nell'ultimo trimestre sono stati decine di migliaia gli operatori impegnati nei servizi dedicati al contrasto del Covid, con una punta di 48.286 agenti nella settimana a cavallo tra marzo e aprile. (segue) (Sod/Adnkronos) ISSN 2465 - 1222 30-GIU-21 14:56 NNNN

TISSONE (SILP CGIL),'RISCHIO AUMENTO TENTATIVI INFILTRAZIONE, ANCHE PER FONDI PNRR' (2) =
(Adnkronos) - Anna De Santi, responsabile Unità di Neuroscienze Sociali del Dipartimento di Neuroscienze dell'Istituto Superiore di Sanità, nel suo intervento ha presentato i principali cambiamenti sociali intervenuti in seguito alla pandemia, le risposte alla paura, i fattori di stress che hanno impattato sulla popolazione e le conseguenze su anziani, bambini, adolescenti e disabili, analizzando anche gli aspetti relativi alle problematiche che si presenteranno nel lungo periodo, con attenzione alle vecchie e nuove povertà e alla possibilità di costruire, sulla base di un'esperienza complessa, nuovi scenari positivi. Lo psicoterapeuta e ricercatore Francisco Mele ha invece ricordato che "questa pandemia mette in crisi l'individuo, la società, la famiglia e soprattutto rappresenta una minaccia a un sistema economico di cui ancora non possiamo prevedere le conseguenze sulla vita di ciascuno di noi. Questa situazione in cui fiducia e sfiducia si alternano scardinando l'idea stessa di comunità e di famiglia pone agli psicoterapeuti la domanda di come intervenire per aiutare gli altri che vivono questa crisi, perché noi psicoterapeuti non siamo fuori e liberi dalle stesse angosce". Il magistrato Giuseppe Battarino, parlando al convegno, si è soffermato sulla parola "contenimento", ricordando come sia "stata centrale nella risposta alll'emergenza epidemiologica. Contenere innanzitutto l'onda di piena negli ospedali e nelle terapie intensive. Nel contempo il 'distanziamento sociale' è stato fattore determinante del contenimento dell'epidemia Covid-19: ed è stato ottenuto attraverso l'introduzione di regole costituzionalmente compatibili, che hanno ridotto la socialità a favore dell'eguaglianza di opportunità (per i soggetti più esposti al rischio di malattia e morte". (segue) (Sod/Adnkronos) ISSN 2465 - 1222 30-GIU-21 14:56 NNNN

TISSONE (SILP CGIL),'RISCHIO AUMENTO TENTATIVI INFILTRAZIONE, ANCHE PER FONDI PNRR' (3)
= (Adnkronos) - I lavori sono stati conclusi dalla segretaria confederale Cgil Rossana Dettori: "La pandemia non solo ha aggravato divari e diseguaglianze, tra lockdown, perdita di lavoro e lavoro povero, ma ha svelato l'essenzialità dei servizi pubblici e contemporaneamente la loro insufficienza. E mentre per quanto riguarda la sanità, i livelli essenziali di assistenza sono definiti e quindi misurabili, per ciò che riguarda il sociale siamo ancora in attesa. Sono aumentati i bisogni ma non sono aumentati i finanziamenti e non sono ancora previsti i piani di assunzione di personale necessari. E la pandemia ha rivelato l'essenzialità del territorio, sia per quanto riguarda la sanità che per quel che riguarda i servizi socio assistenziali". (Sod/Adnkronos) ISSN 2465 - 1222 30-GIU-21 14:56 NNNN

COVID. SILP CGIL, RISCHIO AUMENTO REATI: ATTENZIONE EFFETTI PSICOLOGICI E SOCIALI DA INIZIO PANDEMIA OLTRE 10MILA POLIZIOTTI CONTAGIATI, SERVONO RISPOSTE
(DIRE) Roma, 30 giu. - "Esiste un rischio concreto di incremento di specifiche tipologie di reati quali usura e riciclaggio con sempre più cospicui tentativi e casi di infiltrazione delle mafie nelle attività lecite, con una particolare attrattività per la criminalità dei fondi del Pnrr". Lo ha affermato stamani Daniele Tissone, segretario generale del Silp Cgil, aprendo a Roma il convegno online, organizzato dal sindacato di polizia, dal titolo "Gli aspetti sociali della pandemia" al quale hanno preso parte la sociologa Anna De Santi, lo psicoterapeuta Francisco Mele, il magistrato Giuseppe Battarino e la segretaria confederale Cgil Rossana Dettori. "A più di un anno dall'inizio dell'emergenza Covid - ha detto Tissone -, sono centinaia i fascicoli d'indagine aperti nelle varie procure d'Italia, al nord soprattutto. Dall'inchiesta dei magistrati di Bergamo ormai a tutto campo, alle indagini milanesi sulle centinaia di morti nelle Rsa), dal caso 'camici' in Lombardia fino alle innumerevoli inchieste sulle mascherine taroccate, a cominciare da quella della procura di Gorizia. La gran parte di queste indagini non sono ancora state chiuse". Il segretario generale del Silp, che si è anche soffermato sull'indice di delittuosità dei reati in tempo di pandemia e sulle violenze di genere in aumento, ha ricordato che alla data del 23 giugno scorso sono stati 10.779 i casi di positività tra i poliziotti, che 16 sono deceduti e che nell'ultimo trimestre sono stati decine di migliaia gli operatori impegnati nei servizi dedicati al contrasto del Covid, con una punta di 48.286 agenti nella settimana a cavallo tra marzo e aprile. Anna De Santi, responsabile Unità di Neuroscienze Sociali del Dipartimento di Neuroscienze dell'Istituto Superiore di Sanità, nel suo intervento ha presentato i principali cambiamenti sociali intervenuti in seguito alla pandemia, le risposte alla paura, i fattori di stress che hanno impattato sulla popolazione e le conseguenze su anziani, bambini, adolescenti e disabili, analizzando anche gli aspetti relativi alle problematiche che si presenteranno nel lungo periodo, con attenzione alle vecchie e nuove povertà e alla possibilità di costruire, sulla base di un'esperienza complessa, nuovi scenari positivi.(SEGUE) (Com/Ago/ Dire) 13:52 30-06-21 NNNN

COVID. SILP CGIL, RISCHIO AUMENTO REATI: ATTENZIONE EFFETTI PSICOLOGICI E SOCIALI -2-
(DIRE) Roma, 30 giu. - Lo psicoterapeuta e ricercatore Francisco Mele ha invece ricordato che "questa pandemia mette in crisi l'individuo, la società, la famiglia e soprattutto rappresenta una minaccia a un sistema economico di cui ancora non possiamo prevedere le conseguenze sulla vita di ciascuno di noi. Questa situazione in cui fiducia e sfiducia si alternano scardinando l'idea stessa di comunità e di famiglia pone agli psicoterapeuti la domanda di come intervenire per aiutare gli altri che vivono questa crisi, perché noi psicoterapeuti non siamo fuori e liberi dalle stesse angosce". Il magistrato Giuseppe Battarino, parlando al convegno, si è soffermato sulla parola "contenimento", ricordando come sia "stata centrale nella risposta alll'emergenza epidemiologica. Contenere innanzitutto l'onda di piena negli ospedali e nelle terapie intensive. Nel contempo il 'distanziamento sociale' è stato fattore determinante del contenimento dell'epidemia Covid-19: ed è stato ottenuto attraverso l'introduzione di regole costituzionalmente compatibili, che hanno ridotto la socialità a favore dell'eguaglianza di opportunità (per i soggetti più esposti al rischio di malattia e morte". I lavori sono stati conclusi dalla segretaria confederale Cgil Rossana Dettori: "La pandemia non solo ha aggravato divari e diseguaglianze, tra lockdown, perdita di lavoro e lavoro povero, ma ha svelato l'essenzialità dei servizi pubblici e contemporaneamente la loro insufficienza. E mentre per quanto riguarda la sanità, i livelli essenziali di assistenza sono definiti e quindi misurabili, per ciò che riguarda il sociale siamo ancora in attesa. Sonoaumentati i bisogni ma non sono aumentati i finanziamenti e non sono ancora previsti i piani di assunzione di personale necessari. E la pandemia ha rivelato l'essenzialità del territorio, sia per quanto riguarda la sanità che per quel che riguarda i servizi socio assistenziali". Per chi non ha potuto seguire la diretta streaming, il video del webinar è già integralmente disponibile e fruibile gratuitamente sulla pagina Facebook ufficiale del sindacato: SILP Cgil Polizia. (Com/Ago/ Dire) 13:52 30-06-21 NNNN


Covid: Silp Cgil, rischio concreto aumento usura e riciclaggio =
(AGI) - Roma, 30 giu. - "Esiste un rischio concreto di incremento di specifiche tipologie di reati quali usura e riciclaggio con sempre piu' cospicui tentativi e casi di infiltrazione delle mafie nelle attivita' lecite, con una particolare attrattivita' per la criminalita' dei fondi del Pnrr". E' l'allarme lanciato da Daniele Tissone, segretario generale del Silp Cgil, nel corso di un webinar organizzato dal sindacato di polizia, dal titolo "Gli aspetti sociali della pandemia". "A piu' di un anno dall'inizio dell'emergenza Covid - ha detto Tissone -, sono centinaia i fascicoli d'indagine aperti nelle varie procure d'Italia, al nord soprattutto. Dall'inchiesta dei magistrati di Bergamo ormai a tutto campo, alle indagini milanesi sulle centinaia di morti nelle Rsa, dal caso 'camici' in Lombardia fino alle innumerevoli inchieste sulle mascherine taroccate, a cominciare da quella della procura di Gorizia. La gran parte di queste indagini non sono ancora state chiuse". (AGI)Tpa (Segue) 301815 GIU 21

Covid: Silp Cgil, rischio concreto aumento usura e riciclaggio (2)=
(AGI) - Roma, 30 giu. - Il segretario generale del Silp ha ricordato che alla data del 23 giugno scorso sono stati 10.779 i casi di positivita' tra i poliziotti, e 16 di loro sono deceduti, e che nell'ultimo trimestre sono stati decine di migliaia gli operatori impegnati nei servizi dedicati al contrasto del Covid, con una punta di 48.286 agenti nella settimana a cavallo tra marzo e aprile. Il magistrato Giuseppe Battarino nel suo intervento si e' soffermato sulla parola "contenimento", ricordando come sia "stata centrale nella risposta alll'emergenza epidemiologica. Nel contempo il 'distanziamento sociale' e' stato fattore determinante del contenimento dell'epidemia Covid-19, "ed e' stato ottenuto attraverso l'introduzione di regole costituzionalmente compatibili, che hanno ridotto la socialita' a favore dell'eguaglianza di opportunita' per i soggetti piu' esposti al rischio di malattia e morte". I lavori sono stati conclusi dalla segretaria confederale Cgil Rossana Dettori, che ha evidenziato come "la pandemia non solo ha aggravato divari e diseguaglianze, tra lockdown, perdita di lavoro e lavoro povero, ma ha svelato l'essenzialita' dei servizi pubblici e contemporaneamente la loro insufficienza". "E mentre per quanto riguarda la sanita', i livelli essenziali di assistenza sono definiti e quindi misurabili, per cio' che riguarda il sociale siamo ancora in attesa - ha aggiunto Dettori - sono aumentati i bisogni ma non sono aumentati i finanziamenti e non sono ancora previsti i piani di assunzione di personale necessari. E la pandemia ha rivelato l'essenzialita' del territorio, sia per quanto riguarda la sanita' che per quel che riguarda i servizi socio assistenziali". (AGI)Tpa 301815 GIU 21 NNNN

RASSEGNA STAMPA:

COLLETTIVA

REDATTORE SOCIALE

FIRENZE POST

Speciale 20 anni SILP CGIL
Convenzioni SILP
SILP Telegram
V Congresso Nazionale Silp CGIL
Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca questo link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.